Sanità Ospedale Busacca Scicli

No allo spostamento personale e accorpamento di Medicina e Chirurgia

Un documento del Pd di Scicli

Scicli - Si è tenuta ieri pomeriggio presso la sede del PD di Scicli una riunione per affrontare la delicata situazione che, alla luce del nuovo piano di riordino e rifunzionalizzazione del sistema sanitario, sta vivendo il presidio ospedaliero e il personale medico,paramedico ed ausiliario di Scicli.

Siamo convinti - afferma il PD - che i troppi sprechi e a volte i troppi casi di “mala sanità” hanno reso inevitabile oltre che necessario un riordino e una rifunzionalizzazione del sistema sanitario siciliano ma siamo altrettanto convinti che questo cambiamento non può essere lasciato in balia di logiche perverse e clientelari ma deve essere governato e partecipato senza pregiudicare la qualità dell’offerta sanitaria né gravare sul personale il quale, sottodimensionato, sopporta un carico di lavoro non indifferente con tutto ciò che ne consegue in termini di diritti non goduti  e di disservizi.

Il PD di Scicli è contrario ad ogni ipotesi di spostamento di personale dal presidio di Scicli a quello di Modica così come è altresì contrario ad ogni paventata ipotesi di accorpamento dei reparti di Medicina e Chirurgia - gli unici reparti per acuti rimasti e previsti nel decreto -.

Apprezziamo ogni sforzo che quest’Amministrazione sta ponendo in essere in funzione alla ristrutturazione dei Padiglioni, alla messa in sicurezza degli stessi, all’avvio del PTA, al potenziamento della Riabilitazione ma non accettiamo il tentativo subdolo di depotenziare il Busacca in vista anche della stagione estiva che oramai è alle porte.

Pertanto invitiamo la Direzione Generale ad applicare il decreto con tutto ciò che esse prevede, a  convocare un incontro con il PD di Scicli per fare il punto della situazione, ad attivarsi sostituendo il personale medico quiescente e ad attenzionare la nostra posizione fermamente contro ad ogni ipotesi di spostamento del personale e di accorpamento dei reparti di Medicina e Chirurgia.

Ci impegneremo insieme ai nostri deputati regionali a vigilare sul futuro del Busacca e sul futuro di centinaia di dipendenti ospedalieri che in situazioni precari hanno garantito e continuano a garantire il servizio alla cittadinanza.

Parla l'on. Ragusa

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523347225-3-pura-follia.jpg

"E’ arrivato il momento di affrontare la questione della sanità in provincia di Ragusa , aprendo una interlocuzione diretta con l’assessore regionale on. Massimo Russo".

Così dichiara l'on. Orazio Ragusa, preoccupato per il complessivo abbassamento dell'offerta sanitaria.

"Non si contano più le quotidiane lamentele da parte di sindacati , cittadini , operatori e dipendenti nell’individuare le carenze di una gestione che appare deficitaria rispetto alle istanze ed alla funzionalità richiesta sia nel settore ospedaliero che in quello territoriale.

I nodi stanno venendo al pettine rispetto all’allarme che abbiamo lanciato in altri tempi sulla carenza di posti letto e sulla inidonea distribuzione degli stessi tra i due distretti , ma soprattutto l’impossibilità ad attuare in pieno e adeguatamente l’istituzione di punti assistenziali come la lungodegenza  e la riabilitazione o i PTA ed i PTE per citarne alcuni , in quanto la pianta organica è assolutamente inadeguata alle reali esigenze assistenziali".

Basti pensare che dal 1° Luglio probabilmente non potrà essere garantita la guardia interdivisionale all’Ospedale Maggiore di Modica per la mancata sostituzione di un nefrologo, o le sofferenze dei pronto soccorso, o l’impossibilità a garantire le ferie al personale, o procedendo alla depauperazione del personale infermieristico degli ospedali di Comiso e  Scicli, mentre non si procede all’assunzione di tutto il personale previsto nella pianta organica anche se carente , o la limitazione funzionale di servizi importanti come i laboratori di Comiso e Scicli.

"Aprirò immediatamente un confronto a livello regionale con funzionari e con l’assessore - conclude Orazio Ragusa -  facendomi carico dei dati tecnici e numerici che dimostrano come  nell’assistenza sanitaria in provincia di Ragusa occorre una svolta immediata ed idonea".

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif