Sport Ragusa

Si è concluso motoraduno in memoria di Dario Campo

Consegnata la targa in memoria di Dario

Ragusa - Si è concluso ieri Domenica alle 17,00, il Motoraduno internazionale degli Iblei, con la premiazione dei concorrenti segnalati dalla Giuria e la consegna della targa in memoria dei Giovane Dario Campo.

Sono state tre giornate intense di festoso movimento per Ragusa e Modica per questo evento che si è riproposto all’attenzione del pubblico e dei turisti con momenti spettacolari ma anche molto propositivi per la diffusione della conoscenza del nostro territorio e dei nostri prodotti in altre regioni ed anche all’estero.

I dati a disposizione sono in effetti degne di nota.

I partecipanti in totale sono stati 180 ( una cinquantina in meno rispetto allo scorso anno , comprensibili per la crisi in corso e per la necessaria riduzione delle e dei percorsi eno-gastronomici gratuiti);

24 sono state le gare e 12 le prove speciali.

Le prenotazioni alberghiere hanno interessato nelle tre giornate 12 alberghi tra Marina Ragusa, Ragusa , Ibla e nella stessa Modica, per circa settecento presenze.

I partecipanti hanno potuto visitare e fare shopping a Marina per due intere mattinate;

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif

hanno visitato e potuto fare shopping a Ibla in due pomeriggi consecutivi ; a Modica hanno trascorso una quasi intera giornata., in parte occupata da prove e gare.

Hanno potuto visitare, e mangiare , guardando solo al programma ufficiale, in quattro ristoranti, per complessivi 370 pasti. (cui si aggiungono quelli non previsti nel budget che si calcola siano stati più del doppio).

Hanno effettuato degustazioni e possibilità di acquisto di prodotti tipici locali in 10 negozi e boutiques tra i più rinomati di Ragusa, Marina di Ragusa, Modica ed Ibla .

45, le coppe assegnate.

La giornata conclusiva si è svolta tra Marina di Ragusa, Ibla e Ragusa, ove appunto vi è stata la premiazione ed il carosello finale.

Nella giornata di sabato erano state concluse le gare e le prove speciali e la Giuria della Federazione motociclistica aveva provveduto a stilare la graduatoria di merito.

Nella mattinata di Domenica si poteva dar corso alla parte del programma meno impegnativa ma più festosa e divertente con le circa 80 moto che s incrociavano per le strade cittadine.

In prima mattinata si è assistito al raduno dei motociclisti in piazza Malta, che dopo alcuni passaggi veloci ed ordinati nel centro cittadino, si portati, ordinatamente incolonnati alla perfezione, ad IBLA, guidati dalla macchina apripista.

Spettacolare davvero l’arrivo in piazza San Giorgio: circa 80 moto da colori vari con i propri centauri sono apparsi all’improvviso ed occupando l’intera carreggiata per circa un paio di Km, preannunciati dal rombo di motori e dai gruppo della sicurezza.

Tutte le moto, diverse per colore, per ricchezza di particolari, lucide negli arredi di bronzo e carbonio , color argento ed oro, poi, parcheggiate ordinatamente ai lati della Scalinata della Chiesa di san Giorgio, hanno attirato l’ attenzione dei turisti e dei villeggianti.

Ad aspettarli vi era la guida turistica, che ha accompagnato la nutrita comitiva alla visita dei luoghi più importanti della città, da piazza San Giorgio ai Giardini iblei, al Portale di San Giorgio, narrando di volta in volta storie di Chiese, Palazzi, famiglie che nei secoli hanno dato lustro al questa terra.

Nel giorno precedente, la visita aveva riguardato la parte alta della Città: con la Chiesa di Santa Maria delle SCALE, LA Chiesa Dell’Idria, Palazzo Cosentini, la Cancelleria, e poi anche la Chiesa de del Purgatorio con la via degli Archi ed il palazzo Sortino Trono.

Insomma, una immagine abbastanza completa della città e della sua affascinante storia.

La premiazione è avvenuta nell’atrio di Palazzo Cartia, a Ragusa (oggi adibito a ristorante).. Una cerimonia semplice nello spirito della manifestazione fatta di scambi culturali, come ha sottolineato il bravissimo conduttore per conto della Federazione motociclistica e del moto club Ragusa touring, Giancarlo Lonardo,

Sentimenti di evidente partecipazione poi hanno accompagnato il ricordo del Giovane Dario Campo e la consegna della targa a Lui dedicata.

Il Memorial – ha detto il Presdente Franco Bucchieri vuole essere un ricordo affettuoso del caro Giovane Dario, appassionato motociclista, ma impegnato con passione per affermare i valori della vita. Ma vuol essere anche un momento di riflessione per mantenere alto l’interesse da parte della federazione sulla sicurezza stradale di cui da tempo la nostra associazione si è fatta assertore con concrete iniziative-

La targa offerta dal Moto club Ragusa Touring è stata consegnata dallo stesso Papà di Dario a Gianni Liberatore, un amico di Dario sin degli anni del liceo scientifico e che ha condiviso con lui lo studio in giurisprudenza e momenti felici della prima giovinezza.

Gianni Liberatore oggi è un funzionario della banca Credem . Nel ricevere la targa ha detto di volersi ispirare anche nell’esercizio della professione a quei valori di solidarietà e amicizia che Dario praticava con entusiasmo e convinzione.

In conclusione, un evento spettacolare ricco di significati e capace di promuovere scambi culturali tra diversi Paesi, reso possibile dalla formidabile intuizione e dall’impegno del Moto club Ragusa Touring, Franco Bucchieri, e con la collaborazione a volte logistica e a volte finanziaria dei Comuni e con il Contributo della Provincia che ha riconosciuto il Motoraduno come grande evento, nonché con il sostegno della Federazione motociclistica e del Coni.

A tutti va il ringraziamento sentito del Moto club Ragusa Touring e della direzione del Motoraduno.


 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif