Giudiziaria Modica

Modica Bene, Puleio ricorre in appello contro l'assoluzione

L'impugnazione riguarda i soli imputati che hanno scelto il rito ordinario

Modica - È stato presentato l'appello contro la sentenza del processo "Modica Bene", che vedeva coinvolti 19 imputati, tra cui i fratelli Peppe e Carmelo Drago, e l'ex sindaco di Modica, Piero Torchi Lucifora, conclusosi, dopo circa 3 anni di procedimento, con l'assoluzione perché il fatto non sussiste per gli imputati che avevano scelto il rito abbreviato, e con il non luogo a procedere per chi aveva optato per quello ordinario. Il procuratore della Repubblica di Modica, Francesco Puleio, infatti, dopo l'avvenuta deposizione delle motivazioni da parte del giudice dell'udienza preliminare, dott. sa Patricia Di Marco, ha deciso di impugnare la sentenza.

L'impugnazione riguarda i soli imputati che hanno scelto il rito ordinario: i fratelli Bruno e Massimo Arrabito, Gabriele Giannone, Carlo Fiore e gli imprenditori edili Giuseppe Sammito e Giuseppe Zaccaria, e poi Giancarlo Francione, Marcello Sarta, Rosario Vasile, Vincenzo Leone e Giuseppe Piluso.
Il procuratore capo, Puleio, in particolare, contesta la mancata audizione dell'imputato Bruno Arrabito, che ammetteva i fatti contestati.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif