Giudiziaria Scicli

Uxoricidio, Massimo La Terra va a giudizio

L'uomo è rinchiuso in carcere a Modica

Scicli - A conclusione delle indagini dirette dal sostituto procuratore Gaetano Scollo e coordinate dal procuratore Francesco Puleio, la Procura della Repubblica di Modica ha chiesto al giudice dell'udienza preliminare il rinvio a giudizio dello sciclitano Massimo La Terra, 42 anni, accusato di omicidio aggravato. La vittima è la moglie, la 38enne Rosa Trovato, rinvenuta cadavere il 14 gennaio scorso nella sua casa di via Simeto a Scicli. Il decesso, come accertato dall'esame autoptico, è sopraggiunto per soffocamento. Per La Terra ci sono anche le aggravanti di avere adoperato sevizie, "in quanto il decesso si è verificato a seguito di una lenta asfissia mediante azioni di strozzamento e di strangolamento", nonché di avere agito per motivi abbietti e futili, dovuti all'intento, da parte sua, di potere continuare indisturbato la propria relazione extraconiugale con Luminita Marculescu.
La Terra si trova attualmente in carcere a Modica.