Cultura Libri

Amore impossibile nel Val di Noto

«Il destino di una sola notte»

Catania - «Il destino di una sola notte» (Matauro, Pesaro 2012) di Gaetano Failla, è un romanzo ambientato nella Sicilia orientale del XVII secolo a cavallo del sisma del 1693, che «ingoiò in una sola notte gran parte della popolazione della Val di Noto».
La vicenda fornisce un quadro storico ed antropologico dell'epoca di grande interesse all'interno del quale si snodano le vicissitudini di un amore «impossibile» tra Maria e Angelo, già suora e frate, travolti dalle distruzioni dei loro monasteri a causa del terremoto, in un'atmosfera controriformistica e intollerante.
Failla si avvale di una scelta lessicale volutamente barocca, che tende a ridare alla parola la dignità perduta e valorizza la varietà dei «sedimenti» che arricchiscono la lingua.
Si apprezzano nell'opera «costrutti dell'antico siciliano, inserti latini, musicalità arabe» e non solo, la descrizione di luoghi e paesaggi nonché la multiforme «umanità» che ruota attorno ai due protagonisti. E' come tuffarsi con l'immaginazione in un'epoca remota con i suoi modelli di vita e i rapporti non sempre facili, ma «inevitabili», con il mondo arabo e musulmano. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif