Giudiziaria Modica

Mare inquinato, Puleio scrive ai sindaci: fogna e metalli tossici

Verso un divieto di balneazione assoluto?

Modica - I risultati delle analisi sulle condizioni del mare presentate dall’Arpa sono stati trasmessi dal Procuratore della Repubblica di Modica Francesco Puleio ai sindaci dei quattro comuni del comprensorio modicano i risultati delle analisi dell’Arpa e del Cnr. 100 pagine di documentazione ben dettagliata con la quale il procuratore chiede ai primi cittadini di verificare se ci sono gli estremi per prendere provvedimenti.

A titolo informativo, dunque, ma soprattutto per sollecitarli, alla luce degli esiti, ad emettere eventuali ordinanze. L’acqua del mare, secondo quanto riferito sarebbe impregnata di liquami fognari e metalli tossici. Il Pm Pulejo ha reso nota la condizione di salute delle acque di competenza del territorio di Scicli quindi inviando gli esiti al sindaco Franco Susino, a Modica ad Ignazio Abbate, ad Ispica a Piero Rustico ed a Pozzallo a Luigi Ammatuna. Contestualmente l’autorità giudiziaria si aspetta che i primi cittadini facciano bene analizzare gli esiti ed eventualmente emettere un’ordinanza che vieti la balneazione.

Il sindaco Abbate smentisce: il mare di Modica è pulito

 

 

“A seguito delle informazioni “allarmanti” diffuse stamani dalla stampa sul presunto inquinamento delle acque di Marina di Modica, voglio rassicurare e informare i cittadini sullo stato della vicenda degli ultimi giorni -dichiara il sindaco Abbate-. Questa mattina, dopo la mia richiesta, sono pervenuti i risultati delle analisi, relativi al mese di luglio, effettuati dall'organo preposto l'Asp di Ragusa. Dai dati pervenuti non risulta nessun inquinamento delle acque. Oggi ho anche sentito telefonicamente il Procuratore della Repubblica di Modica Dott. Francesco Puleio per informarlo sullo stato di avanzamento dei futuri provvedimenti, concordando il percorso per addivenire finalmente alla soluzione di questa incresciosa vicenda che rischia di mettere in ginocchio l'economia dell'intera costa ragusana. Lunedì ho disposto un nuovo esame delle acque di cui si occuperanno l'Arpa e l'Asp di Ragusa. Ai prelievi saranno presenti i Carabinieri e la Capitaneria di Porto per certificare il monitoraggio e i prelievi dei campioni di acqua della costa, sia nelle acque di balneazione che in quelle limitrofe agli scarichi dei depuratori. A seguito dell'esito di questi esami, prenderò le dovute cautele e i provvedimenti necessari a tutela della salute umana, tenendo sempre informati i cittadini sugli sviluppi futuri”.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1518431048-3-peugeot.jpg