Cultura Letteratura

Quaranta anni fa moriva John Ronald Reuel Tolkien

“Il Signore degli anelli”

Questa mia smania di voler ricordare gli anniversari peggiora giornalmente. Ma non posso farci nulla. Se non la necessaria selezione tra quelli importanti o meno, e comunque tra quelli meritevoli – a giudizio mio personale – di essere ricordati su queste accoglienti colonne.

Oggi – 2 settembre 2013 – è uno di quei giorni in cui l’anniversario è meritevole di essere ricordato: esattamente quaranta anni fa moriva John Ronald Reuel Tolkien. Lo scrittore inglese aveva 81 anni (era nato il 3 gennaio 1892)

Un uomo che rimarrà per sempre nella memoria collettiva per la sua opera letteraria e soprattutto per un suo libro: “Il Signore degli anelli”.

Tolkien ha scritto moltissimo, ma è la saga degli gobbi che lo ha consegnato alla Storia.

In questa occasione mi preme soltanto ricordare la morte di un autore grande, che ha intrattenuto generazioni di lettori con le incredibili avventure che sono state trasposte anche sullo schermo. A Tolkien tutti noi (noi lettori, quantomeno, dei suoi libri) dobbiamo ore e ore di puro piacere, di lettura appassionata (Tolkien si può leggere oppure no, ma trovare un suo lettore che non abbia apprezzato mi pare cosa assai difficile), di voli pindarici e di inevitabile coinvolgimento nelle avventure della Terra di mezzo.

Solo questo, ma non è poco, trascurando, ca va sans dire, tutte le altre inutile parole scritte e dette intorno al messaggio politico e sociale che l’inglese volle trasmettere con la sua opera letteraria, tenuto conto, anche e soprattutto, che lo stesso Tolkien disse e ridisse mille volte che il suo Signore degli Anelli, come tute le altre sue opere, erano state scritte solo e soltanto per diletto, suo e dei lettori. Grande Tolkien, grandissimo.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1531731979-3-despar.gif