Sanità Ragusa

Neuropsichiatria giovanile, l’Asp firma un protocollo d’intesa

Internet e i suoi mali

Ragusa - L’Azienda Sanitaria di Ragusa, nella persona del Commissario Straordinario, Aliquò, e Il Movimento Difesa del Cittadino (MdC) di Ragusa, con la presidente Giovanna Tona, hanno siglato, oggi 12 settembre, un protocollo d’intesa finalizzato alla partecipazione del progetto: “Oltre la rete. La legalità corre sul web”. Presente il direttore della S.C. di Neuropsichiatria infantile Pino Morando; infatti, l’U.O.C. potrà fornire, con i suoi esperti nel settore della prevenzione di abusi e dipendenze in campo giovanile, una fondamentale azione di informazione ed un supporto in caso di segnalazione, da parte dei tutor MdC, di casi di pertinenza del Dipartimento di Salute Mentale. A tal fine, il partenariato con l’Asp di Ragusa si concretizzerà in un’azione di informazione pubblica tenuta da un responsabile/esperto del settore individuato dalla Direzione stessa, il quale utilizzerà 16 ore, del monte ore previsto dal progetto, per attività di sensibilizzazione presso gli 8 Istituti ospitanti il progetto (2 ore per Istituto incontrando gli studenti riuniti in Assemblee di Istituto).

Ancora, la proposta progettuale si sviluppa in una serie di percorsi di formazione teorico- pratica sulle tematiche di informazione, prevenzione e uso legale della rete Internet e delle sue infinite potenzialità. Un progetto che si rivolge a classi pilota di istituti di istruzione superiore appartenenti in particolare al Distretto sanitario n. 45 (Modica, Pozzallo, Scicli e Ispica), ad una classe campione di Ragusa e una di Vittoria, in particolare del primo biennio.

Gli utenti saranno, quindi, prevalentemente ragazzi di età compresa tra i 14 e i 16 anni, che sperimenteranno, grazie all’ausilio di giovani tutor che li affiancheranno e di esperti esterni appositamente intervenuti, quelle che sono le potenzialità e i rischi connessi ad un uso inconsapevole del web e ai suoi possibili risvolti di illegalità.

Aliquò :  “L’intento del progetto è di promuovere nei giovani partecipanti un uso critico ed un utilizzo sano del Web, al fine di renderli consapevoli dei benefici del web usato nella legalità, e aiutarli a diffondere la consapevolezza acquisita presso quanti verranno in contatto con i giovani utenti del progetto”.

Il dott. Morando ha aggiunto che: “Internet può, infatti, divenire strumento utile per incoraggiare attraverso il dialogo (non virtuale) lo sviluppo di comportamenti responsabili, di forme di cittadinanza attiva, di confronto e multiculturalità. Proprio al fine di stimolare lo sviluppo di una cittadinanza attiva e consapevole”, infatti “i giovani partecipanti saranno altresì coinvolti in attività di peer education nei confronti di coetanei sulle tematiche da essi così esplorate, attività questa sappiamo essere, da esperienze pregresse, assolutamente ricca di forti ricadute positive in ambito educativo, sociale e civico.”

Noi del Il Movimento difesa del Cittadino”, la presidente Tona,  “Oltre alle normali attività in

materia consumeristica, siamo impegnati  nel campo dell’educazione alla legalità.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1520323379-3-ecodep.gif

Inoltre la Sede Provinciale di Ragusa ha già lavorato nel campo dell’educazione all’uso legale del web grazie al finanziamento di due PON destinati ad un I.I.S. di I grado e ad uno di II grado, dal titolo Save Internet: i giovani e l’uso legale del Web, svolti negli anni scolastici 2010/2011 e 2011/2012.”

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif