Lettere in redazione Chiaramonte Gulfi

Piscina comunale, le colpe dell’intorbidamento

Ci scrive il gestore

Chiaramonte Gulfi - Il sottoscritto Fuggetta Paolo nella qualità di Presidente della Lavorincorso Soc. Coop. Soc con sede a Comiso (RG) in Viale Europa n.2, attuale gestore della piscina comunale di Chiaramonte Gulfi, preso atto della notizia pubblicata sugli organi di stampa tra il 31/10/2013 e il 01/11/2013 relativa alle lamentele da parte di un cittadino sulle carenti condizioni dell’acqua della piscina comunale, riportate dal consigliere comunale Laura Pricone, comunica quanto segue:

“ L'intorbidamento (e non inquinamento) dell'acqua è stato dovuto alla negligenza di chi nella giornata di domenica ha bruciato delle potature nelle adiacenze del santuario Gulfi (vedi relazione consegnata ai vigili urbani di Chiaramonte). La fuliggine è penetrata all'interno della piscina e si è depositata sul fondo della piscina stessa. E' stata disposta la chiusura immediata dell'impianto per non generare problemi all'incolumità pubblica e la Lavorincorso (società gestore dell'impianto) con i suoi tecnici è intervenuta immediatamente per circoscrivere il fenomeno e risolverlo. In 48 ore l'acqua è tornata ai normali livelli previsti dalle vigenti normative con un colore trasparente e cristallino ed i disagi causati da fattori esterni e non ricollegabili alla gestione della piscina, sono stati ricondotti alla normalità.”

Si sottolinea che i gestori di questo impianto sono costantemente fatti oggetto di varie campagne di denigrazione ordite da iscritti, simpatizzanti e fiancheggiatori di una locale società di nuoto, culminati nelle scorse vacanze di pasquali con atti vandalici all'impianto di distribuzione del gas regolarmente denunciati alla locale stazione dei carabinieri. Stessa società di nuoto che da mesi arbitrariamente si rifiuta di pagare l'uso della piscina costringendo la “Lavorincorso” a rivolgersi alle autorità competenti..

Come da richiesta della amministrazione comunale sono state effettuate le analisi della acque e appena giunti i risultati, essi verranno prontamente comunicati. La “Lavorincorso”, essendo comunque una società cooperativa con altre attività ed interessi da tutelare, si riserva di querelare la Consigliere Pricone per calunnia e malversazione.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1534503216-3-despar.gif