Lettere in redazione Scicli

Gli intellettuali: palazzo Mormino resti luogo di cultura

E non cambi destinazione d’uso

Scicli - Il Palazzo Mormino rappresenta una realtà architettonica unica per la cittadina di Donnalucata: esempio di villino urbano, sorta di dependance dei nobili dell’epoca,  inserito nel cuore del centro storico. L’edificio fu ceduto  dagli originari proprietari al Comune di Scicli affinchè ricoprisse un ruolo centrale nella vita civica della Borgata.

Chi lo visita per la prima volta rimane colpito dall’armonia delle forme e dalle sensazioni che si respirano nelle sale, destinate ancora oggi ad eventi e manifestazioni di arte e cultura. Fuori, nel giardino, il Palazzo offre ombre piene di fragranze e angoli di serenità, mentre nel cortile, la stagione cinematografica è molto apprezzata e richiesta. Chiudendo gli occhi sembra di sentire il pulsare dei ritmi di feste, mostre, esposizioni, incontri e dibattiti, con cittadini e turisti partecipi della vita sociale.

Risulta quindi inopportuna l’ipotesi di trasformare questo contenitore di cultura, spettacoli e riunioni, questa calda presenza nel territorio, questo patrimonio comune di civiltà, in una caserma dei Carabinieri.

Noi, sottoscrivendo questa petizione, chiediamo che venga immediatamente fermata ogni procedura che possa sottrarre Palazzo Mormino al godimento di tutti, impegnandoci nel contribuire a costruire  assieme alla Cittadinanza, alle Associazioni ed ai Movimenti un progetto di rinascita e valorizzazione di questo nostro bene comune. D’altra parte il Palazzo ha una storia recente ricca di eventi culturali di alto profilo a livello nazionale, con mostre di pittura, concerti, incontri con personalità, artisti e scrittori di chiara notorietà quali Sciascia, Bufalino, Verna, Goldin e tanti altri. Innumerevoli iniziative, tra cui Corsi di alta formazione universitaria, che hanno dato seguito al disposto dell’atto di compravendita del Palazzo stesso che prevedeva e prevede “l’uso del manufatto per la valorizzazione turistica del comprensorio.”

Naturalmente rimane il grande rispetto dei sottoscrittori nei confronti dell’Arma dei Carabinieri che possono e devono trovare allocazione in una struttura alternativa, per la verità già individuata da diverse realtà associative e di volontariato della comunità donnalucatese.

 

  Le firme

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1525421788-3-cappello.jpg

Piero Guccione, Severino Santiapichi, Franco Sarnari, Paolo Nifosì, Giampaolo Schillaci, Giuseppe Mineo, Franco Causarano, Tina Causarano, Franco Polizzi, Giovanna Occhipinti, Adolfo Padua, Sonia Alvarez, Vito Zagarrio, Mavie Cartia, Carmelo Candiano, Giuseppe Pitrolo, Sandro Bracchitta, Giuseppe Colombo, Rosario Blandino, Ass. Esplorambiente, Club Unesco Scicli, Fai Delegazione di Scicli, Ass. Miros, Mov. Culturale Brancati.