Lettere in redazione Milano

Nelle lettere di natale più lavoro e meno tasse

Babbo natale pensaci tu!

Milano - La "letterina" degli italiani per Natale chiede più lavoro e meno tasse. Secondo gli ultimi sondaggi della Confesercenti-Swg, le tredicesime e gli straordinari vengono utilizzati solo per fare fronte all’accumulo di tasse.

Quest’anno il Natale non cede al pessimismo, anzi! Poco più della metà degli italiani, infatti, si rifugia nella speranza di vivere una vita migliore. Una speranza che appare però più forte fra gli ultracinquantenni che fra i giovani, mentre la sensazione di difficoltà è più acuta fra i quarantenni. Sarà il Natale dei regali utili e di tredicesime ancora una volta utilizzate soprattutto per pagare le tasse. Mentre tra gli adulti i fattori  condizionanti sono indubbiamente la situazione economica personale e familiare e le tasse nascoste nel cassetto in attesa di essere pagate, tra i giovani si avverte un’acuta incertezza sul futuro e una grande preoccupazione per il posto di lavoro.

Babbo Natale pensaci tu, sembrerebbe dire quel 34% di italiani (16,3 milioni) che vorrebbe vedere diminuire l’imposizione sui redditi, mentre il 19% vorrebbe vedere detassate le tredicesime. Quota identica a chi invece vorrebbe che fosse più leggera la prossima tassa su servizi e rifiuti, mentre il 14% e il 12% auspicano, rispettivamente, che l’Iva torni al 20% e che si fermino gli incrementi delle accise (problema che secondo il sondaggio sta a cuore soprattutto ai giovani, con evidente riferimento soprattutto ai carburanti). Le tasse, il mutuo e il lavoro restano un’ossessione per gli italiani e nell’attesa che dentro la buca delle lettere ci siano meno bollette e più colloqui di lavoro soprattutto per i giovani, godiamoci i presepi, gli alberi di Natale e le luci delle vie barocche del nostro paese, ammesso che ci siano!

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png