Lettere in redazione Pozzallo

Le opposizioni: Ammatuna ha deciso di perseguire il dissesto?

I tempi del debito

Pozzallo - L’esperto in materia finanziaria del sindaco di Pozzallo Luigi Ammatuna, alla presenza dell’assessore al Bilancio e al ragioniere del Comune Angelo Zaccaria, nel corso del recente incontro-dibattito con la città per commentare il Bilancio di previsione 2013, ha dichiarato, dopo essersi presa la libertà di fare considerazioni di carattere prettamente politico che non sono di sua competenza, che per il Comune di Pozzallo un eventuale Piano di riequilibrio non può sforare i tre anni.

Poiché sembra strano che il dott. Giorgio Giannì, consulente finanziario, non sia informato sul Decreto legge 10 ottobre 2012 n. 174 che indica le Linee Guida per i Piani di riequilibrio finanziario pluriennale dei Comuni in difficoltà (fino a dieci anni),  ci viene il terribile sospetto che

L’Amministrazione presieduta da Luigi Ammatuna, magari dietro consiglio dello stesso “esperto in materia finanziaria”, abbia già deciso di arrivare al dissesto coatto, avendo magari già dato alle stampe, una volta archiviato lo slogan della campagna elettorale “Per una città migliore”, il nuovo slogan “ La colpa non è mia, la colpa è del Bajon”.

Nell’augurarci che la nostra possa essere soltanto una ipotesi azzardata e temeraria, dettata dalla preoccupante certezza che, con l’eventuale approvazione del bilancio di previsione 2013, l’Amministrazione riuscirà solo a prolungare di qualche mese l’agonia di un ammalato che, per guarire,  ha invece bisogno di una forte terapia d’urto, invitiamo il sindaco e la Giunta a presentare con urgenza e comunque, come previsto dal decreto sopra citato, prima dell’approvazione da parte del Consiglio comunale del Bilancio di previsione 2013, un Piano di riequilibrio finanziario pluriennale della durata di dieci anni.

Rispetto a questo unico e indispensabile percorso da intraprendere  per salvare la città dal fallimento, che produrrebbe per lunghi anni conseguenze devastanti sui dipendenti comunali, sui cittadini, sui fornitori, e sull’economia della città, noi sottoscritti consiglieri del  Gruppo Misto Indipendente,

DICHIARIAMO SIN D’ORA, NELL’INTERESSE DELLA CITTA’, DI VOTARE IN CONSIGLIO IL PIANO DI RIEQUILIBRIO, PRONTI, SUCCESSIVAMENTE, AD ESAMINARE IL BILANCIO DI PREVISIONE 2013.

Vincenzo Asta

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1527078687-3-polo.gif

Domenico Giudice

Antonio Zocco Pisana

Ignazio Ruffino

Salvatore Toscano

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png