Lettere in redazione Scicli

Spiagge derubate, cittadini offesi

Riceviamo e pubblichiamo

Scicli - Li smontano e li rimontano.

Li bruciano e li rimettono in essere …dalle orrende baracche non ci possiamo liberare.

Il regalo di Natale è la legalizzazione di una vergognosa pratica, di un malcostume.

Speriamo presto tutto si fermi e che si possa smentire la notizia.

È passata approvata al Senato una norma che consente la sanatoria dei manufatti abusivi posti sulle spiagge. In pratica permetterebbe ai furbi che gestiscono concessioni demaniali di tenere in piedi le strutture a dispetto di qualsiasi dichiarazione “in precario”, diventando così stabili. Vi risparmio i codici e gli articoli di legge, le ridicole percentuali di pagamento ed altro. Qui è l’azione o la decisione aggressiva sul territorio che bisogna mettere in evidenza.

Deplorevole è una norma di così grande impatto paesaggistico che si vuole nascondere dietro il pagamento di una tassa farsa. Le spiagge così potranno essere occupate da baracche, chioschi, depositi e casette di legno, ma il rischio drammatico è quello che le norma valgano pure per “sanare” le opere soggette a processo penale. Qualora si estendesse a queste opere il concetto di precario, di conseguenza si estende il concetto liberistico ad esse connesso, con la conseguente chiusura dei processi pendenti…

Sarebbe una vera catastrofe per il litorale sciclitano già tanto invaso.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1525944142-3-pura-follia.jpg

I furbi, malandrini avrebbero indiscussa agevolazione.

No, non ci sto!

Il provvedimento è alla Camera, oggi la Commissione Bilancio dovrà esprimersi anche sulla norma.

Il voto finale spero, per il bene di tutti, “smonti” questo pericolo.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png