Appuntamenti Chiaramonte Gulfi

Giorgio Distefano espone a Praga

Segni abusivi
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538344-1-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg&size=939x500c0
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538129-0-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg&size=354x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/11-01-2016/1452538344-1-giorgio-distefano-espone-a-praga.jpg

Chiaramonte Gulfi - Giorgio Distefano espone a Praga. L'artista chiaramontano trasferitosi ormai da anni a Firenze, reduce da una mostra collettiva a Scicli, approda in Repubblica Ceca con l'opera A-Tapestry. L'Art Prize CBM di Praga è frutto di una selezione di opere dei finalisti del Premio Biennale Carlo Bonato Minella che si è svolto a Ottobre a Rivarolo Canavese (Torino) e che ha visto la partecipazione di 42 artisti internazionali selezionati su quasi 1400 candidature da tutto il mondo. Il premio, in collaborazione con due prestigiose gallerie, una londinese e una praghese, prosegue nella prestigiosa sede della Galleria At Salon S, all'interno della Casa Danzante di Praga, a cura di Barbora Mastrlovà. L'inaugurazione e' prevista per venerdì 15 gennaio alle ore 18.00. Giorgio Distefano spiega il significato della sua opera: "L’opera A-tapestry nasce da una serie di studi sul paesaggio e sulla relazione tra immagine stereotipa-oleografica legata a rappresentazioni idealizzate e, dall’altra parte, la contaminazione di elementi perturbanti, di “abuso”, nel contesto stesso del quadro della visione, che finiscono per essere assimilati, creando ulteriori piani di lettura e giochi di contrasto nei quali si può percepire un dentro - il contesto reale o bucolico preesistente - e un fuori - il segno “ abusivo”, ancorato talvolta a stilemi/simboli del contemporaneo - che finisce per essere inglobato ed estetizzato a sua volta. In questo caso, le costruzioni abusive di un anonimo litorale e la nave naufragata nello spazio arcadico del porto di settecentesca memoria, così come espresso dalla tessitura dell’arazzo, si fondono in una dimensione sospesa di irrealtà, sogno ed estetizzata denuncia sociale".