Economia Eni

Versalis, le banche finanziano Sk Capital

Gli ebrei in campo

Sono in corso da più giorni le trattative con banche, anche italiane, da parte del fondo Sk Capital per l’acquisizione del 70% di Versalis, la controllata del gruppo Eni attiva nella chimica. Nell’affare è coinvolta la banca d’affari Rothschild, di cui è vicepresidente l’ex amministratore delegato del cane a sei zampe, Paolo Scaroni. Sk Capital potrebbe ottenere la proprietà di Versalis, del valore stimato di 1.5 miliardi di euro (impianti a produzione zero, cespiti immobiliari e ferro esclusi), versando “non l’intera somma ma partecipando inizialmente con una cifra di poco superiore a 400 milioni di euro -così come ha dichiarato Report, il programma di indagine giornalistica guidato da Milena Gabbanelli su Rai 3- proseguendo poi i pagamenti attraverso gli utili fatti con la gestione operativa di Versalis”. A garanzia, per le banche che entreranno nell’affare Sk Capital, ci sarà Versalis stessa. Il fondo Sk è stato l'unico player che ha manifestato da subito interesse per la chimica di Eni.
Nel portfolio di partecipazioni e acquisizioni della società finanziaria americana, un miliardo di dollari di capitalizzazione e 18 dipendenti in totale, insistono diverse aziende, tutte di nicchia nel contesto della chimica.
Come AEB (proprietà SK al 51%) piccola azienda familiare che produce ausiliari per il vino; HALO Pharma (proprietà SK al 50%) società di macchinari per l’industria farmaceutica. ARCHROMA (proprietà SK al 100%) produzione di pigmenti e additivi per l’industria tessile e cartiera; ADDIVANT (proprietà SK al100%) produzione di additivi e antiossidanti per plastiche e nylon; TPC Group (proprietà SK al 100%) produzione gomme e plastiche da buteni, sede americana, con 800 dipendenti; IBA Molecular (60%) produzione di radiofarmaci di contrasto, sede americana ma attiva in tutto il mondo con sedi commerciali; CALABRIAN (30%) produzione di biossido di zolfo per la depurazione delle acque; ASCEND (100%) produzione di nylon e fibre sintetiche, sede americana con 3000 addetti.
Con l’acquisizione di Versalis, 6.000 dipendenti e nove stabilimenti dislocati in Italia, Germania e Francia, 300 brevetti e una storia industriale di tutto rispetto, il fondo d’investimenti guidato da Barry Siadat entrebbe a far parte del salotto buono della chimica mondiale.

Nella foto Daniele Ferrari, amministratore delegato di Versalis, l’uomo del cambiamento.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif