Giudiziaria Ragusa

Loris, la difesa di Veronica: Fare confronto con il suocero

Una nuova perizia pschiatrica

Ragusa - «Disporre una nuova perizia psichiatrica» sull'imputata e «riaprire l’istruttoria dibattimentale» per «effettuare il confronto tra lei e il suocero, Andrea Stival». Sono le richieste «preliminari» dell’ avvocato Francesco Villardita nell’atto di appello contro la sentenza del Gup di Ragusa, Andrea Reale, che il 17 ottobre 2016 ha condannato a 30 anni di reclusione Veronica Panarello per l’ uccisione del figlio Loris, di 8 anni, il 29 novembre 2014 nella loro casa di Santa Croce Camerina. Il legale, nel «merito», chiede di «assolvere» la donna «per non avere commesso il fatto», e in subordine di «ritenere la sussistenza del concorso anomalo» nell’omicidio, commesso da altri. E in ogni caso chiede di «riconoscere il vizio parziale di mente» e di «rideterminare la pena» anche «concedendo le attenuanti generiche» che in primo grado non le sono state riconosciute. Il processo si terrà, a data da destinare, davanti la Corte d’assise d’appello di Catania.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif