Attualità Ragusa

Lorenzo Licitra: la finale per me è una festa e un punto di partenza

L'attesa, la fiducia

Milano - Ultime ore di prove al Forum di Assago in vista della finale di X Factor che, come già annunciato, sarà impreziosita da due grandi ospiti: Tiziano Ferro ed Ed Sheeran. In una scenografia che si preannuncia da urlo, una sorta di “grande abbraccio fisico, con totale coinvolgimento del pubblico, un sogno che speravo di realizzare da tempo” dichiara Luca Tommassini, Lorenzo Licitra, Enrico Nigiotti, Samuel Storm e i Maneskin si preparano all'ultimo atto.
Al termine della conferenza stampa di rito, abbiamo avuto l'occasione di incontrare proprio Lorenzo Licitra, il tenore ragusano che, in questi due mesi, ha voluto mettersi alla prova, sperimentando la sua anima pop. «Non so fare un pronostico su chi vincerà – queste le parole di Lorenzo – non so cosa voglia il pubblico, ma so che voglio divertirmi, gustarmi ogni istante. Credo che a questo punto siamo tutti dei vincitori, siamo arrivati fino a qui e questo è l'importante. Domani sera sarà una festa».
Riferendosi al suo percorso a X Factor, Licitra parla di emozione e cambiamento. «Vengo da una formazione molto diversa, da un mondo classico. I concerti che ho potuto fare in precedenza mi hanno aiutato a superare la paura del palco. Affronto il Forum con la voglia di dare il massimo. Con X Factor ho imboccato una nuova strada, in me ci sono due anime, qui ho dato spazio a quella pop».

Un lungo percorso che giunge, dunque, al suo atto conclusivo. Una lunga scalata cui mancano tre gradini. La finale si aprirà con i duetti, tutti i concorrenti si esibiranno con il cantautore inglese James Arthur. Abbiamo chiesto a Lorenzo cosa canterà e ci ha detto che la scelta è caduta su “Impossible”, «la proviamo oggi pomeriggio (mercoledì 13 dicembre, n.d.r.)». Poi, se l'esito del televoto sarà positivo, si proseguirà con il medley, una sorta di best of di questa edizione. «Canterò “Your Song” di Elton John, poi “Million Reasons” di Lady Gaga e chiuderò con “Who wants to live forever” dei Queen. Ancora una volta sulla scala – preannuncia – poi... mi butto giù (ride)!».
In un'edizione che ha visto molti concorrenti autori del proprio inedito, abbiamo chiesto a Lorenzo se abbia o meno in cantiere qualcosa e come mai, pur sapendo suonare il pianoforte, abbia preferito non inserirlo nelle sue esibizioni. «Per quanto riguarda il piano, di solito non mi accompagno durante i concerti, preferisco concentrarmi sulla parte vocale. Sulla scrittura dei brani posso dire che c'è qualcosa in cantiere. Ma ora facciamo questa finale».
Un ultimo pensiero va alla sua giudice, Mara Maionchi, «Da Mara si impara qualcosa ogni giorno. Ha messo su una grande squadra, da lei principalmente ho imparato il rispetto per questo lavoro e l'importanza di comunicare le emozioni che provo sul palco. Un grazie immenso va anche a Luca Tommassini, senza di lui avrò grossi problemi... anzi ne approfitto per chiedere delle lezioni private! Lo ringrazio tantissimo, lavorare con lui è stato fantastico».

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1534503216-3-despar.gif