Appuntamenti Pozzallo

Ex Colonia, dibattito a Pozzallo

Il 23 dicembre

Pozzallo - La verità sull’ex Colonia Marina di Pozzallo e sulla seconda struttura che la Fondazione “Iolanda e Francesco Ciurciu’ ” vuole edificare, è quella che i promotori di un incontro-dibattito desiderano che emerga nel corso di un evento organizzato presso la sala “Meno Assenza”, a Pozzallo, giorno 23 dicembre prossimo, a partire dalle ore 18:30. L’incontro è organizzato dall’associazione di volontariato “La stele di Rosetta, autismi ed altre meraviglie”.

L’esigenza di fare chiarezza con questo incontro cittadino nasce a seguito di una DIFFIDA che alcuni cittadini pozzallesi hanno protocollato presso il Comune di Pozzallo il 6 dicembre scorso che nei fatti ha bloccato l’iter tecnico e di conseguenza i futuri lavori che riguardano un’area compresa tra le case popolari e le villette della lottizzazione “Zocco Vincenzo ed altri”.

In detta area dovrebbe nascere la struttura ricettiva denominata “CENTRO POLIFUNZIONALE PER LA DISABILITA’” per cui la Fondazione “Iolanda e Francesco Ciurciu’ ” si è spesa negli ultimi cinque anni ottenendo già pareri favorevoli dalle competenti autorità regionali. Per rendere realizzabile tale progetto, la FONDAZIONE, previo parere richiesto alla precedente amministrazione, ha comprato un lotto di circa 18.000 mq. da integrare con due aree di proprietà del Comune.

L’ amministrazione comunale precedente ha deliberato positivamente in tal senso ma essendo competenza del Consiglio Comunale, il giorno 6 dicembre, la FONDAZIONE attendeva da questo CC la conseguente delibera di concessione del diritto di superficie sulle aree di proprietà del Comune per iniziare l’iter procedurale di variante al piano regolatore. Nella mattina del 6 dicembre, invece, alcuni cittadini hanno protocollato presso il Comune di Pozzallo una DIFFIDA che intima il CC a non procedere nell’iter amministrativo.

La FONDAZIONE pur non contestando la legittimità della DIFFIDA ha contestato con forza il contenuto della stessa in quanto non rappresenta il vero, e fatto più gravoso è l’affermazione fatta da alcuni firmatari della DIFFIDA “ I DISABILI QUI NON LI VOGLIAMO… LA STRUTTURA PER I DISABILI DEPREZZA IL VALORE DEI NOSTRI IMMOBILI”.

La FONDAZIONE nel condannare tali pregiudizi, non può stigmatizzare il comportamento delle forze politiche presenti in CC le quali, messe a conoscenza di quanto verificatosi durante la sospensione della seduta, non hanno ritenuto opportuno, né in quella sede e né successivamente, intervenire per contrastare eticamente tali affermazioni che riteniamo indegne e profondamente discriminatorie.

E’ per tale scopo che l’Associazione dei genitori dei disabili di Pozzallo e non solo, il Comitato Cittadino per la Tutela dei Diritti dei Disabili, costituitosi informalmente e spontaneamente da quei cittadini pozzallesi che hanno fortemente voluto affermare la loro solidarietà e vicinanza ai disabili e alla FONDAZIONE, hanno promosso un INCONTRO CITTADINO che si terrà il 23 dicembre, sabato ore 18:30 presso la sala SPAZIO CULTURA MENO ASSENZA di Pozzallo, invitando quanti hanno a cuore la trasparenza degli atti, la vicinanza e il sostegno ai disabili e il desiderio di chiarezza. L’invito è stato esteso ed accettato dal primo cittadino di Pozzallo, Roberto Ammatuna, dal presidente del Consiglio Comunale, Quintilia Celestri, dagli assessori comunali Giorgio Scarso e Alessandra Azzarelli, dai Consiglieri Comunali e dal Presidente della Fondazione Giovanni Ciurciu’. Accanto all’associazione La Stele di Rosetta, l’associazione COMMERCIANTI di Pozzallo e numerose associazioni di volontariato e solidarietà della provincia di Ragusa e Siracusa.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1518431048-3-peugeot.jpg

Il Presidente della FONDAZIONE, Giovanni Ciurciu’ chiede a quanti sono vicini al mondo della disabilità di intervenire numerosi, sabato prossimo, presso la sala “Meno Assenza” soprattutto per dare un segnale forte alla collettività, nell’affermare la città di Pozzallo come Comunità universalmente accogliente nel nome del Beato Giorgio La Pira.