Cultura Enogastronomia

Palazzolo: quando i dolci sono buoni, belli e pure economici

Una setteveli al pistacchio e un gelo al mandarino indimenticabili
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-12-2017/1514311102-1-palazzolo-quando-dolci-sono-buoni-belli-pure-economici.jpg&size=667x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-12-2017/palazzolo-quando-dolci-sono-buoni-belli-pure-economici-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/26-12-2017/1514311102-1-palazzolo-quando-dolci-sono-buoni-belli-pure-economici.jpg

Palazzolo Acreide – Le festività natalizie ci hanno lasciato un senso di sazietà pari soltanto alla grandezza delle scacce preparate dalle nostre mamme. Ma se vi è rimasto un po’ di spazio per il dolce (e per il dolce, si sa, c’è sempre uno stomaco a parte), e voglia di farvi una passeggiata fuori provincia, vi consigliamo di recarvi in una pasticceria deliziosa che si trova in centro a Palazzolo Acreide. Situata in via Vittorio Emanuele, la Pasticceria Caprice è un locale storico: una goduria per gli occhi e per il palato.

Il locale si trova in un palazzo storico di Palazzolo, con mobili in legno e lampadari in cristallo e un bellissimo balconcino in stile liberty perfetto per prendere un caffè fuori, affacciati in centro, durante le belle giornate di sole.
La pasticceria racconta la grande tradizione dei dolci siciliani: cassate di ricotta, cannoli, dolci al pistacchio, alla crema. Vi è, però, una certa ricercatezza nell’estetica, una ricercatezza che appaga l’occhio e la mente. Ma i dolci non si mangiano solo con gli occhi.

Ed ecco, allora, che abbiamo deciso di assaggiare una setteveli al pistacchio ed un gelo al mandarino, per constatare se la bellezza estetica potesse eguagliare anche la gola. La setteveli è un tripudio di sapori: la dolcezza del pistacchio si accompagna perfettamente alla nota amara del cacao e il gusto risulta particolarmente equilibrato tanto da non stancare il palato.

Il gelo di mandarino, un classico della pasticceria siciliana, viene riproposto in una versione fresca e digestiva, né particolarmente dolce, né particolarmente aspra: perfetto per un dopo pasto leggero.
Sorprende, in senso positivo, il conto alla cassa: 2 euro per la setteveli e 1.50 per il gelo di limone.
Una pasticceria buona, bella e non particolarmente cara. Cosa si pretende di più?