Appuntamenti Catania

Capodanno a Catania: uno spettacolo originale, con un tributo a Bellini

Un evento unico, particolare

Catania - La piazza di Catania, a Capodanno, offrirà uno spettacolo unico: non un semplice concerto, bensì uno spettacolo che trasformerà la città in un grande teatro a cielo aperto, con un tributo a Vincenzo Bellini. Il programma è intenso: si parte in piazza Università dalle 22.30: si accendono in successione le finestre del primo e del secondo piano di Palazzo Centrale alle quali si mostrano man mano i personaggi dei brani più famosi delle opere di Bellini fino a comporre un coloratissimo mosaico fatto di luci, di sgargianti costumi di scena, di arie indimenticabili: Quando verrai quel dì, Son Vergine vezzosa, Ecco signor la Sposa, Dolente immagine.

Improvvisamente il suono di una banda trionfale riempie la piazza, si vedono musicisti in grande uniforme sfilare innanzi a una carrozza nera trainata da due cavalli bianchi, che riporta “il Cigno” nella sua Catania. Quattro altissime dame, eleganti nei neri costumi tempestati di stelle luminose, seguono la carrozza: sono le muse di Bellini. Il corteo si ferma al centro della piazza; la banda suona mentre in rapida successione tutte le cantanti e i cantanti lasciano le finestre che man mano si spengono. Il corteo riprende il suo cammino, il pubblico segue mentre la musica proveniente da piazza del Duomo annuncia la seconda parte dello spettacolo.

Piazza Duomo, dalle 23.00: la facciata di Palazzo degli Elefanti è vestita di grandi immagini che raccontano vita e opere di Bellini, dai primi passi nel mondo della musica ai più grandi successi internazionali. All’interno delle immagini, assistiamo a mirabolanti coreografie in volo, sospese a un invisibile cavo d’acciaio che attraversa la piazza a 15 mt. di altezza, su cui acrobati e macchine sceniche si alternato davanti allo sguardo incantato degli spettatori. Vediamo un giovane Bellini suonare al pianoforte i brani delle sue prime composizioni, mentre nelle immagini scorrono gli amanti di “Adelson e Salvini” e di “Capuleti e Montecchi”. Un veliero dalle vele bianche attraversa lo spazio, seguito dalla figura de “Il Pirata” L’Amina protagonista de “La Sonnambula” cammina nel vuoto. Ai balconi di Palazzo degli Elefanti, otto sacerdotesse raccolgono vischio in grandi cesti (“Norma”) mentre sospesa al cavo la “Casta Diva” danza nell’aria. Proiezioni sulle pareti e sulle finestre di Palazzo degli Elefanti: c’è un ricevimento e Bellini passa da una finestra all’altra, salutando persone. Bellini danza tra una donna e l’altra che appaiono nelle proiezioni in tutte le finestre del Palazzo.

Al Theatre des Italiens si rivela il grande successo de “I Puritani”: sulla facciata del Palazzo si materializzano grandi immagini di donne che sventolano i fazzoletti e uomini che fanno volare i cappelli. Mentre sul Palazzo assistiamo all’ambientazione della storia di Arturo ed Elvira, al centro della piazza, sospeso tra un palco mobile e il cavo che attraversa il cielo, ha inizio un passo a due coreografico degli innamorati. Celebrati i successi e gli amori, su un palco a ridosso del Palazzo, Bellini è a letto, morente, sogna e rivede le sue opere. Intorno a lui le sue amate e le sue muse mentre risuonano i brani delle opere più famose. È allora che egli si alza sul letto, indicando il cielo dove passa un volo di Angeli, con al centro un Angelo nero. Gli angeli reali, in volo, circondano l’angelo nero fino a farlo sparire. Il gran finale dello spettacolo avvolge la piazza e il pubblico presente in una magnifica sincronia tra proiezioni e apparizioni aeree.

La chiusura delle coreografie coincide con lo scoccare della mezzanotte, il pubblico assiste ad una simulazione video dei tradizionali fuochi d’artificio e lo speaker lancia il segnale di partenza per un brindisi generale a un prossimo anno che vogliamo denso di promesse.

Piazza Duomo, dalle 00.15 L’intera piazza si trasformerà in una discoteca a cielo aperto in cui Fractal777 FMR DJ farà danzare il pubblico al ritmo di un sofisticato mix di brani del sommo Bellini rielaborati e resi “ballabili” con un lavoro di post-produzione. Uno spettacolo che inserisce Catania tra le grandi capitali europee e che coinvolge un numero consistente di artisti. La direzione artistica è affidata a Valerio Festi e la regia è di Monica Maimone.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png