Attualità Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte: e nella gigantografia la Pinacoteca divenne PinacoNteca

Saranno ancora a Palazzo Montesano?
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-01-2018/1515575907-1-chiaramonte-gigantografia-pinacoteca-divenne-pinaconteca.jpg&size=552x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-01-2018/chiaramonte-gigantografia-pinacoteca-divenne-pinaconteca-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/10-01-2018/1515575907-1-chiaramonte-gigantografia-pinacoteca-divenne-pinaconteca.jpg

Chiaramonte Gulfi - La foto gira da qualche giorno su facebook ed era impossibile non notarla, anche se in realtà si riferisce a due eventi organizzati prima delle vacanze natalizie: l'inaugurazione della mostra "Storie di Legno" di Iano Catania e l'inaugurazione dedicata ad Antonino Di Vita, archeologo, avvenute il 22 e 23 dicembre a Palazzo Montesano. Due eventi che hanno impegnato amministrazione comunale (organizzatrice degli eventi) e pro loco (per la gestione dei musei). Anche la Soprintendenza è stata coinvolta in queste due occasioni.

Per questo, fa specie pensare che durante l'inaugurazione di due eventi così importanti, nessuno si sia accorto dello strafalcione ortografico che campeggia in una delle gigantografie in bella mostra a Palazzo Montesano: la povera Pinacoteca di Giovanni De Vita è diventata, per un errore tipografico, PinacoNteca di Giovanni De Vita. Ora, non sappiamo se queste locandine giganti siano ancora presenti a Palazzo Montesano ma noi sinceramente ci auguriamo di no.

Sta di fatto che la foto è stata messa on line, in maniera del tutto inconsapevole e senza che nessuno si accorgesse dell'errore, proprio dalla Pro-Loco in un post datato 24 dicembre sulla pagina ufficiale,  così come si evince dalle due foto da noi pubblicate.

Un banale errore tipografico, certo. Ma possibile che nessuno si è accorto dello strafalcione? Possibile che si sia fatta un'inaugurazione con un errore così in una locandina ufficiale senza che nessuno battesse ciglio? Possibile che nessuno abbia controllato le locandine una volta stampate? Sembra incredibile, ma evidentemente è proprio così.