Attualità Chiaramonte Gulfi

Il Natale a Chiaramonte è costato quasi 40 mila euro. Ne è valsa la pena?

Tutte le spese sostenute

Chiaramonte Gulfi – quasi 40 mila euro spesi per le manifestazioni natalizie. E’ questo il resoconto effettuato dal Gruppo politico “Valore Chiaramonte” che fa capo all’ex sindaco Vito Fornaro. Il conteggio, effettuato in base alle delibere pubblicate tutte in albo pretorio, parla chiaro: esattamente, i soldi spesi sono stati € 39.026,71. Una bella sommetta, considerando poi il rapporto costi/benefici. In una nota diffusa dal gruppo, viene dichiarato che la cosa più grave è che quei soldi sono stati spesi “Senza pensare di dover dare conto a nessuno. Crede infatti che i cittadini abbiano gli occhi chiusi e non si siano accorti che a fronte di questo enorme investimento, i risultati sono stati davvero scarsi e deludenti”.

Vediamo, allora, quali sono stati questi eventi e queste iniziative nel dettaglio. Valore Chiaramonte spiega:
-    Per illuminare la città hanno speso 18.000 euro, cioè il triplo di quello che si spendeva con l’amministrazione precedente (negli anni passati per l’illuminazione si spendeva circa € 6.000 per le stesse quantità di luci);
-    Per fare un giro sul Trenino dei sogni “lungo 8 metri”, per poche ore hanno speso € 1.600;

Ma la voce che sembra più incredibile e pù inutilmente dispendiosa, è quella relativa ai costi delle casette di legno in piazza Duomo che avrebbero dovuto servire per i mercatini natalizi. Su queste casette, infatti, chiunque sia passato in piazza Duomo in quei giorni,  si è accorto che sono rimaste sostanzialmente vuote. Un cattivo investimento che, però, ha avuto un costo non indifferente. Valore Chiaramonte ha calcolato quanto è costato il mai partito mercatino di Natale.
-    Per i mercatini di Natale hanno speso € 2.196 per affitto case di legno rimaste vuote e chiuse + € 1.195,60 di vigilanza (sulle case vuote) + € 375,00 di inaugurazione, il tutto per un totale di  € 3.766,60. Quanti di voi sono riusciti a socializzare, ad aggregarsi e a vedere visitatori dai comuni limitrofi (come scritto nella delibera GM 152) nella nostra piazza ridotta a deposito di case di legno chiuse? Quante attività commerciali hanno avuto un ritorno economico da questa iniziativa? Cosa ne pensa l’assessore allo sviluppo economico di questa  iniziativa tanto fallimentare quanto  costosa? Viste le somme notevoli che sono state spese per artisti vari, zampognari e cantastorie,  quanti di voi hanno partecipato a questi spettacoli di cui spesso non si conosceva né il luogo né la data?"

Altro punto sottolineato dal gruppo politico è che quei soldi sono stati attinti dal fondo di riserva: “Il Sindaco ha dovuto prelevare ben € 10.031,11 dal famoso fondo di riserva, famoso perché i sindaci di tutta Italia lo utilizzano secondo la legge come riserva  per le emergenze della città e dei cittadini, Gurrieri invece lo usa come una sorta di  tesoretto personale. Stesso giochetto per quanto riguarda l’economato: ben 7.515 euro sono stati dirottati su questo ufficio, evidentemente scambiato per un bancomat da cui prelevare risorse alle necessità del momento: tutti sistemi che nulla hanno a che vedere con la trasparenza nella gestione del denaro pubblico da parte degli amministratori”.

Poi, non si esita a definire la gestione di Gurrieri: “Dissennata, padronale  e spregiudicata delle risorse comunali che delineano  incompetenza, mascherata da arroganza e improvvisazione, che porta spesso Sindaco e assessori a pensare che le casse comunali siano come  una mucca da mungere”. E non si risparmiano critiche verso l’assessore Cristina Terlato che ancora non ha risposto circa la presidenza del comitato per il carnevale: “A titolo di esempio basta leggere la  Delibera GM. 154 del 15 dicembre 2017 in cui sono stati assegnati 27.000 euro al Comitato Antico Carnevale, appena costituito e  presieduto dal fidanzato dell’assessore Cristina Terlato (presente in giunta). Contattata dalla stampa su questa vicenda, la Terlato fa finta di nulla e dice che chiarirà  tutto con  un comunicato stampa che la città ancora attende. Forse è convinta che i cittadini siano degli allocchi che si possono raggirare con qualche festino o qualche massima filosofica scaricate dal web all’occorrenza? Crede, in quanto parte del comitato di liberazione della città, di avere una  patente speciale che le consente di infischiarsene dei cittadini? Non è così che funziona. Assessore Terlato, lei come ogni amministratore pubblico,  ha il dovere di rispondere alla città, soprattutto  quando  si tratta di gestione di denaro pubblico. Noi dal canto nostro abbiamo il dovere di vigilare e controllare in quanto gruppo di opposizione che non intende fare sconti a questa amministrazione che ha reso Chiaramonte noto agli onori della cronaca come “città  giostra” .

Nel dettaglio, Valore Chiaramonte descrive tutte le voci e le relative spese: Noleggio illuminazione natalizia – ditta  Dibenedetto Giovanni di Monterosso Almo, € 18.031,11
Approvazione programma natalizio, € 17.000,00, così spesi:
SIAE, ospitalità, convegni, pubblicità, € 3.250,00
inaugurazione nuovi musei, € 2.500,00
“ETNA ALLESTIMENTI” :noleggio 10 casette in legno dal 20 al 25 Dicembre, € 2.196,00
 Culturale “Studio 7 Spettacoli” noleggio  “Trenino dei sogni” lungo 8 metri, con impianto stereo, comprensivo staff (autista+2Babbo Natale) per il 25 Dicembre.    € 1.600,00
Incarico Artistico per  inaugurazione mercatini Natale al  gruppo “Musikè”, € 375,00
Incarico Artistico “Mago Riccio” spettacolo 23 dicembre dalle 19 alle 22., € 244,00
Incarico Artistico. “Cantastorie Peppino Castello”  per 2 spettacoli della durata di un’ora, € 500,00
Incarico Artistico. “Complesso Bandistico San Gregorio di Catania”  - Zampognari -  2 prestazioni della durata di 3 ore. € 750,00
“Aspettando Capodanno”- Ass. Piano Dell’Acqua 30/12/2017    € 1.500,00
“Il Presepe nella Città dei Musei” Ass. L’Arco    € 1.960,00
“Mostra Fotografica” Comitato 30.06 Bene Comune    € 360,00
minute spese per le manifestazioni    € 1.765,00
TOTALE SPESO Del. GM 152 del 07.12.2017    € 17.000,00
Festa degli Anziani – Coop. Dafne    € 2.800,00
Vigilanza Notturna casette in legno – “La Ronda” di Modica    € 1.195,60

Totale spese natalizie: 18.031,11 + 17.000,00 + 2.800,00 + 1.195,60 = € 39.026,71. Naturalmente, Ragusanews.com è disponibile qualora il sindaco Gurrieri o gli altri amministratori volessero rispondere circa questo articolo.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif