Cronaca Agrigento

Agrigento, fra i 56 arresti per mafia anche i comisani Errigo e Battaglia

Blitz della Montagna

Agrigento - Maxi operazione antimafia effettuata dai carabinieri del comando provinciale di Agrigento, su disposizione della dda di Palermo: sono stati eseguiti 56 catture tra boss e gregari dei mandamenti di Cosa nostra agrigentina. L'inchiesta, la più imponente mai messa a segno nel territorio, ha disarticolato i "mandamenti" di Santa Elisabetta e Sciacca e ha colpito 16 "famiglie" mafiose. Tra gli uomini arrestati, anche due comisani: Coinvolti anche due uomini d'onore della provincia di Ragusa. Si tratta di due comisani, Carmelo Battaglia, 42 anni e Concetto Errigo, 59 anni. Arresti anche nelle province di Caltanissetta, Palermo, Enna e Catania. In carcere, tra gli altri, è finito anche Francesco Fragapane, 37 anni, figlio dello storico capomafia di Santa Elisabetta Salvatore, da anni ergastolano al 41 bis.
L'indagine è coordinata dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, dall'aggiunto Paolo Guido e dai pm Gery Ferrara e Claudio Camilleri. Le accuse contestate vanno dall' associazione mafiosa, al traffico di droga, alla truffa, estorsione e a un'ipotesi di voto di scambio.

L'operazione, denominato "Blitz della Montagna", ha portato alla Custodia cautelare in carcere di: Carmelo Battaglia, 42 anni, di Comiso; Giuseppe Blando, 56 anni, di Favara; Giorgio Cavallaro, 50 anni, di Grotte; Vincenzo Cipolla, 56 anni, di San Biagio Platani; Franco D'Ugo, 53 anni, di Palazzo Adriano, nel Palermitano; Giacomo Di Dio, 45 anni, residente a Nicosia; Santo Di Dio, 50 anni, di Nicosia; Salvatore Filippo Giacomo Di Ganci, 76 anni, di Sciacca; Angelo Di Giovanni, 46 anni, di Favara; Vincenzo Dolce, 52 anni, di Cerda, nel Palermitano; Francesco Maria Antonio Drago, 50 anni, di Siculiana; Concetto Errigo, 59 anni, di Comiso; Pasquale Fanara, 59 anni, di Favara; Francesco Fragapane, 37 anni, di Santa Elisabetta; Raffaele Salvatore Fragapane, 40 anni, di Santa Elisabetta; Giovanni Gattuso, 62 anni, di Castronovo di Sicilia; Alessandro Geraci, 32 anni, di Petralia Sottana; Angelo Giambrone, 34 anni, di Santo Stefano Quisquina; Calogerino Giambrone, 56 anni, residente a Cammarata; Raffaele La Rosa, 59 anni, di San Biagio Platani; Roberto Lampasona, 40 anni, di Santa Elisabetta; Calogero Limblici, 60 anni, di Favara; Calogero Maglio, 50 anni, di Favara; Vincenzo Mangiapane (classe 1954), di Cammarata; Vincenzo Mangiapane (classe 1955), di Cammarata; Vincenzo Mangiapane (classe 1971), di Cammarata; Domenico Maniscalco, 53 anni, di Sciacca; Antonio Giovanni Maranto, 53 anni, residente a Castellana Sicula; Pietro Paolo Masaracchia, 67 anni, di Palazzo Adriano; Giuseppe Nugara, 52 anni, di San Biagio Platani; Salvatore Pellitteri, 26 anni, di Chiusa Sclafani; Vincenzo Pellitteri, 66 anni, di Chiusa Sclafani; Luigi Pullara, 54 anni, di Favara; Salvatore Puma, 40 anni, di Racalmuto; Giuseppe Quaranta, 50 anni, di Favara; Pietro Stefano Reina, 67 anni, di San Giovanni Gemini; Santo Sabella, 53 anni, di San Biagio Platani; Giuseppe Scavetto, 49 anni, di Casteltermini; Calogero Sedita, 35 anni, residente ad Alessandria della Rocca; Giuseppe Luciano Spoto, 79 anni, di Bivona; Massimo Spoto, 39 anni, di Bivona; Vincenzo Spoto, 40 anni, di Bivona; Gerlando Valenti, 46 anni, di Favara; Stefano Valenti, 52 anni, di Favara; Giuseppe Vella, 37 anni, di Favara; Salvatore Vitello, 43 anni, di Favara, e Antonino Vizzì, 63 anni, di Raffadali.
 

Arresti domiciliari invece per Adolfo Albanese, 71 anni, residente a Caltavuturo nel Palermitano; Salvatore La Greca, 75 anni, di Cammarata; Calogero Quaranta, 26 anni, di Favara; Stefano Di Maria, 26 anni, di Favara; Salvatore Montalbano, 26 anni, di Favara; Calogero Principato, 27 anni, di Favara; Marco Veldhuis, 20 anni, di Favara; Antonio Domenico Cordaro, 53 anni, di San Cataldo; Francesco Giordano, 50 anni, di Niscemi e Domenico Lombardo, 26 anni, di Favara.
 

Obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, infine, per Vincenzo Valenti, 24 anni, di Favara; Nazarena Traina, 47 anni, residente a Cammarata; Viviana La Mendola, 39 anni, di Cammarata ed Antonio Scorsone, 53 anni, di Favara. 

 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif