Attualità Panarea

200 camini vulcanici costellano il mare di Panarea. La scoperta. VIDEO

Isola nelle Eolie

Panarea - I fondali del mare attorno a Panarea costellati di oltre 200 camini vulcanici. E' questa la scoperta di un team di ricercatori del Cnr, dell’Ispra e dell’Ingv in collaborazione con la Marina Militare e Università di Messina e di Genova.
Lo hanno chiamato smoking land ed è situato nel fondale marino tra l’isola vulcanica di Panarea e l’isolotto di Basiluzzo, nell’arcipelago eoliano. Lo studio, dal titolo Exceptional discovery of a shallow-water hydrothermal site in the SW area of Basiluzzo islet (Aeolian Archipelago, South Tyrrhenian Sea): an environment to preserve), è stati pubblicato su Plos One e fornisce nuove e importanti informazioni sulle caratteristiche minero-geochimiche e biologiche dei sistemi idrotermali superficiali del mar Mediterraneo.

Si tratta in pratica del sottosuolo marino costituito da decine di strutture a forma di cono, composte soprattutto da ossidi di ferro, che presentano un’altezza variabile da 1 a 4 m e una base con diametro medio di circa 3.8 metri. Alcune di queste bocche emettono fluidi acidi, ricchi di gas, in prevalenza di anidride carbonica. Secondo i ricercatori una struttura così estesa e complessa non è stata mai riscontrata in tutto il Mediterraneo e ci sono testimonianze solo in alcune aree oceaniche.