Attualità Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte multato di quasi 17 mila euro

Ad annunciarlo, un'interpellanza del consigliere Giovanni Garretto

Chiaramonte Gulfi - Il Comune di Chiaramonte multato di quasi 17 mila euro per non aver speso le somme assegnate dalla Regione siciliana. Ad annunciarlo, il consigliere comunale di opposizione Giovanni Garretto. Per la precisione, il Comune di Chiaramonte Gulfi è obbligato a restituire alla Regione Siciliana la somma di euro 16.831,82 per non avere attuato nessuna azione volta a forme di democrazia partecipata in relazione all’assegnazione per l’anno 2016. Non avendo speso quei soldi a partire dal luglio 2017, Chiaramonte dovrà restituire il 2% dell'Irpef.

La Regione Sicilia aveva chiesto al Comune montano l’invio delle attestazioni delle spese sostenute con forme di democrazia partecipata già nel luglio del 2017 e, non avendo avuto risposta, ha successivamente inviato un sollecito il 27 novembre 2017 ma anche questa seconda nota non ha avuto alcun seguito con la conseguenza che l’ente è stato multato con l’obbligo di restituzione delle somme. Il gruppo di opposizione in consiglio esprime "preoccupazione" e il consigliere Garretto ha deciso di presentare un'interpellanza: "Siamo consapevoli del periodo di ristrettezze economiche in cui versano gli enti locali e quindi non è assolutamente questo il momento per essere pigri e sprecare denaro.

Siamo anche convinti che quello che non deve mai mancare sono la trasparenza e la partecipazione e la diretta streaming è ad esempio tra i servizi che possono essere pagati con le somme di denaro destinate alle iniziative di democrazia partecipata come del resto è stato già fatto in passato". Inoltre, il consigliere aggiunges: "Adesso che sono stati assegnati al Comune ulteriori 9.914,36 € per l’anno 2017 da spendere in iniziative di democrazia partecipata mi chiedo quali siano state le motivazioni della mancata risposta dell’Ente alle richieste ad ai solleciti da parte della Regione Siciliana e se il Comune potrà ancora fare qualcosa per recuperare tali somme".
Il consigliere auspica che l’amministrazione accolga la richiesta di riattivazione della diretta streaming, che ci si adoperi da subito per utilizzare i 9.914,36 € per l’anno 2017 ed evitare di incorrere in altre multe.