Appuntamenti Chiaramonte Gulfi

Alberi saraceni e olio di Chiaramonte

Olivi arabi, piantati secoli fa in Sicilia, da cui viene prodotto olio di qualità assoluta
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-03-2018/1520418216-1-alberi-saraceni-olio-chiaramonte.jpg&size=1219x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-03-2018/alberi-saraceni-olio-chiaramonte-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/07-03-2018/1520418216-1-alberi-saraceni-olio-chiaramonte.jpg

Chiaramonte Gulfi - E' un legame secolare, con profonde e robuste radici ben salde alla terra, quello che unisce Chiaramonte Gulfi e l'olio d'oliva. Connubio di amore, tradizione, sapore e passione, protagonista della Primavera Diffusa il 23, 24 e 25 Marzo, a Chiaramonte. L'invito parte dal Welcome Point ed è rivolto ai residenti del borgo, grandi e piccini, e a tutti i viaggiatori che intendono conoscere e celebrare secoli di storia e di sapore.

Cosa c'è di più buono del pane caldo quando incontra l'olio extravergine di oliva appena spremuto?

L'olio extravergine d'oliva appartiene al patrimonio tipicamente mediterraneo e quella dei frantoi è una lunga tradizione basata sugli antichi metodi di produzione di un olio, oggi DOP, di altissima qualità, ottenuto dalla semplice spremitura a freddo delle olive, senza metodi di raffinazione. Gli oleifici, a Chiaramonte sono vere e proprie istituzioni a conduzione familiare, tramandate da generazione in generazione, ambasciatori nel mondo di un prodotto di eccellenza. Tra questi, Frantoi Cutrera e Oleificio Gulino. Non perdere l'occasione di visitarli grazie all'evento Primavera Diffusa di Sicilia Ospitalità Diffusa. Chiama Giovanni (+39 331.4097848), prenota la tua visita e il tuo soggiorno.

Gli ulivi saraceni di Chiaramonte Gulfi, piantati secoli fa dagli arabi in tutto il territorio ibleo, sono esseri viventi longevi, sopravvissuti a intemperie, sofferenze, calamità e vicende storiche. Sono testimoni silenziosi del passaggio della storia, delle epoche, delle civiltà. Ed è infatti nel silenzio che si ascolta il loro racconto, depositato nelle barocche forme dei rami e nei tronchi contorti dal diametro di oltre 5 metri.