Giudiziaria Modica

Morte Giovanni Gerratana, quattro medici indagati

Era stato operato al femore, non si è più svegliato

Modica - Sono quattro i medici dell'ospedale Maggiore di Modica indagati per la morte di Giovanni Gerratana, padre del più noto consigliere comunale Nino Gerratana, che ha denunciato un caso di presunta malasanità alla Procura di Ragusa. Oltre a loro è indagata una quinta persona, un dipendete dell'Asp con funzione di Osa, ovvero un Operatore Socio Sanitario. L'anziano è morto la scorsa settimana e il suo funerale è stato rinviato dopo che sulla salma del Gerratana è stata disposta l'autopsia, in corso di esecuzione stamane. 

I funerali erano stati bloccati dalla procura iblea per far eseguire l'autopsia, dopo un intervento chirurgico al femore finito male. Secondo i figli ci sarebbero responsabilità sulla morte dell'anziano, che lo scorso primo marzo era arrivato al pronto soccorso per un ictus cerebrale.

Ricoverato, dopo quattro giorni era stato disposto l'esame della Tac. Un ausiliario lo aveva accompagnato con una sedia a rotelle nella divisione di radiografia e lo avrebbe lasciato solo davanti all'impianto radiologico. Poco dopo, l'uomo è stato colto da malore cadendo a terra e fratturandosi il femore. La lesione aveva indotto i medici a sottoporlo a intervento chirurgico. Terminato l'intervento, nella stessa notte Gerratana avrebbe presentato evidenti sintomi di dissociazione, entrando in coma, dal quale non si è più risvegliato.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif