Attualità Palermo

Emessi i francobolli con Don Pino Puglisi e Peppino Impastato

Hanno un valore di 90 centesimi.

Don Pino Puglisi e Peppino Impastato: in loro memoria, due francobolli. A partire da oggi Poste Italiane ha emesso due nuovi francobolli appartenenti alla serie tematica "Il senso civico". La lotta alla mafia, dunque, passa anche attraverso i francobolli, attraverso alcuni simbolici, piccoli, gesti.

I due francobolli, emessi dal Ministero dello Sviluppo economico, sono stati presentati a Palermo, nelle sale del palazzo delle Poste di via Roma, davanti al responsabile Filatelia, Fabio Gregori, e dell’Area Territoriale Sicilia, Antonio Foti.
Presente, tra gli altri anche il prefetto di Palermo, Antonella De Miro, Maria Impastato, nipote di Peppino, e Francesco Puglisi, fratello del sacerdote palermitano.

Il bozzetto dedicato a Impastato è stato realizzato da Cristina Bruscaglia, mentre quello per il sacerdote palermitano da Tiziana Trinca. I francobolli hanno un valore di 95 centesimi ciascuno ed arrivano nel 40esimo anniversario della morte di Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio del 1978, ed a 25 anni dall’agguato a Puglisi, il 15 settembre del 1993.

Il volto di Impastato appare in primo piano con accanto una sua frase simbolo: “L’informazione è resistere, resistere è preparare le basi del cambiamento”.
Accompagna il ritratto di Puglisi, invece, la frase: "Non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti”.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif