Attualità Spiagge siciliane

Un'estate al mare. Nessun divieto sulle coste ragusane

Riaprirà ufficialmente il primo aprile

Ufficialmente, dall'1 aprile prenderà il via la stagione balneare in Sicilia. Ad annunciarlo un decreto dell'assessorato regionale alla Salute, pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale. Se poi il tempo non lo permetterà, questa è un'altra storia. Sta di fatto che un po' in tutti, visto il lungo e bizzarro inverno, c'è voglia di mare. Il periodo di campionamento delle acque di mare quindi andrà da aprile a ottobre. Il prelievo di pre-campionamento dovrà essere effettuato nei dieci giorni prima dell'inizio della stagione balneare a partire dal 20 marzo.

Nel decreto sono elencati i tratti di mare balneabile e quelli vietati alla balneazione e purtroppo sono ancora numerosi i tratti di mare definiti nel decreto "non balneabili" a causa dell'inquinamento. A Sciacca per esempio non si potrà fare il bagno in un  tratto nei pressi del lido Salus, ma anche in un'area vicino al porto di San Leone, ad Agrigento, e in quello di Siculiana. Posti bellissimi ma che purtroppo saranno inaccessibili ai bagnanti.

  A Palermo restano off-limits ai bagnanti anche un tratto di mare della spiaggia di Vergine Maria, in via Messina Marine il tratto che va dal porto della Bandita fino al Lido Olimo e quello compreso tra la fine porto di Sant'Erasmo e l'inizio di quello della Bandita. Alcuni tratti di mare, invece, sono soltanto "temporaneamente" interessati da immissioni e quindi non possono essere utilizzati, ma se i comuni metteranno in sicurezza la zona o adotteranno misure di risanamento, potranno tornare ad essere fruibili.

In alcune acque invece persiste il divieto di balneazione per motivi di sicurezza. È questo il caso di un tratto di mare vicino alla località Grotta Azzurra a Taormina, a Milazzo nell'area tra Cala Pepe a Punta Rugno o in quella che va da Punta Iacci e Pietre Rosse; ancora, nella nota località turistica Capo Calavà, a Gioiosa Marea, nella parte compresa tra la foce del Torrente Calavà e la Rocca di Capo Calavà. In provincia di Palermo, stessa situazione a Terrasini in un tratto di Cala Rossa, al lato est della spiaggia di Magaggiari a Cinisi e per mezzo chilometro di spiaggia sul lungomare Cristoforo Colombo a Villagrazia di Carini.

Nessun divieto, invece, sulle coste ragusane che restano fruibili a tutti senza nessun tipo di limitazione.

Foto: Davide Modesto

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1531731979-3-despar.gif