Cronaca Catania

Catania: muore per il morbillo a 25 anni, domani l'autopsia

Si può morire nel 2018 per il morbillo?

Catania - La storia di Maria Concetta Messina, la giovane di 25 anni morta a Catania di Morbillo, ha creato grande scalpore nell'opinione pubblica. Com'è possibile che una ragazza di quell'età possa morire nel 2018 per il morbillo? Non si danno pace i familiari, che hanno presentato denuncia ai carabinieri che, a loro volta, hanno sequestrato le cartelle cliniche all'ospedale Garibaldi di Catania, dove la ragazza era ricoverato. Non si da pace il marito, Andrea Di Grazia, un uomo di 36 anni che consegna le pizze a domicilio per sbarcare il lunario.

Con sua moglie, avrebbero festeggiato due anni di matrimonio il 21 aprile, gli stessi anni che ha la loro bambina. Ci sarebbero stati ritardi e poca difficoltà a comprendere che si trattasse di morbillo. All'inizio, infatti, i sintomi sono stati scambiati per un'allergia ma il giorno dopo, al Garibaldi hanno subito diagnosticato il morbillo, tranquillizzando i familiari. Maria Concetta è stato così messa in una stanza insieme ad altre persone che avevano la stessa malattia, in codice giallo. Ma il giorno dopo la febbre era salita a 40 gradi e la ragazza ha cominciato ad avere problemi respiratori.

E così trascorrono il sabato e la domenica. Il lunedì, giorno della morte della ragazza, che ha continuato ad avere problemi respiratori ed è stata portata in rianimazione dove è stata operata. Ma purtroppo la ragazza è spirata nel pomeriggio. L'autopsia sul corpo della ragazza sarà effettuata, probabilmente, domani. Solo così si potrà scoprire se vi sono state inadempienze.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif