Appuntamenti Chiaramonte Gulfi

Chiaramonte, l'edicola di San Giorgio torna nella sua sede originaria

Inaugurazione venerdì 6 aprile ore 11
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-04-2018/1522922788-1-chiaramonte-edicola-giorgio-sede-originaria.jpg&size=889x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-04-2018/chiaramonte-edicola-giorgio-sede-originaria-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-04-2018/1522922788-1-chiaramonte-edicola-giorgio-sede-originaria.jpg

Chiaramonte Gulfi - Eravamo abituati a vederla in cima alla collina, ma adesso l'edicola di San Giorgio torna nella sua sede originaria. Nell’antica strada che collegava la campagna al paese di Chiaramonte Gulfi, alla confluenza con una trazzera minore, sorse intorno al secolo XVIII un’edicola dedicata a S. Giorgio, ricordo e testimonianza di una presenza di edificio sacro più antico, ubicato nelle vicinanze. L’antica chiesa è attestata nel volume "La Gloria del Gran martire di S. Chiesa S. Giorgio" del gesuita Padre Lorenzo Finocchiaro pubblicato in Palermo nel 1658 (un’altra chiesa nell’aperta campagna tiene Chiaramonte dell’istessa Contea di Modica).

Della chiesa oggi non si ha più traccia, risultando persino difficile l’esatta ubicazione che era certamente più a valle; ad est del Santuario secondo il sacerdote Raffaele Ventura ( Storia critica di Chiaramonte, 1880 circa). Anche l’attuale edicola, non anteriore alla fine ottocento inizio novecento, è probabilmente un rifacimento della più antica attestata, dalla memoria popolare e da vari scritti, come sosta durante la veloce  “salita” della Madonna di Gulfi ogni  domenica in Albis.
Lo spostamento in posizione più consona, sia alla devozione popolare che alla citata sosta per il canto del tota pulcra, ripristina lo stato originario della struttura.  Nel contempo un accurato e non invasivo restauro e consolidamento del manufatto e la ripresa del dipinto, da tempo deteriorato e compromesso, restituisce alla comunità un frammento di memoria e devozione condiviso.

E' stato un comitato spontaneo cittadino si è occupato dell’iter burocratico e dell’operazione di smontaggio, rimontaggio e nuova sistemazione.
Opportunamente il Comune di Chiaramonte ha contribuito alla sistemazione dello spazio circostante in consonanza col paesaggio.
Venerdì 6 aprile, alle ore 11, poco prima del rito della svelata che si svolgerà al Santuario di Maria SS. di Gulfi, avrà luogo l’inaugurazione della Cappella di S. Giorgio, restaurata e riposizionata al margine dello stradale.