Cronaca Modena

Modena, figlia vegana minaccia madre col coltello: smettila di fare il ragù

L'eterna lotta fra carnivori e vegani

Modena - Cosa c'è di più buono di un piatto di fettuccine al ragù? I vegani non la pensano così. E ci mancherebbe, ognuno ha le proprie convinzioni. A volte, però, si esagera soprattutto quando le liti scoppiano all'interno delle mura domestiche, così come è successo a Modena dove una lite fra madre e figlia per un piatto di spaghetti al ragù è finita davanti al giudice.

Come conciliare, infatti, la tradizione culinaria del ragù emiliano con una figlia vegana? La risposta è: non si può.
La mamma, di 68 anni, è quella che da queste parti si chiama 'rezdora', ovvero una casalinga 'reggitrice' che tira la sfoglia a mano e si alza presto la domenica mattina per preparare il ragù secondo i rigorosi dettami della tradizione che prevede una precisa scelta di carni e di odori e una cottura lenta.

La figlia, 47 anni, disoccupata, si è trovata costretta a vivere con la madre della quale non solo non condivide la passione per la cucina tipica, ma ha maturato convinzioni alimentari diverse, abbracciando la filosofia vegana. E fra le due, la cucina è diventata motivo di scontri durissimi:  mentre la madre stava facendo cuocere a fuoco lento la sua specialità, la figlia, disgustata dall'ordore di carne e dall'idea della sofferenza che il povero animale ha patito, l'ha affrontata con un coltello.

"Se non la pianti di fare il ragù, ti pianto un coltello nella pancia", avrebbe detto. La madre, dopo quest'ennesima lite, avrebbe deciso di denunciarla per minaccia semplice e il caso è finito dal giudice di pace.
La notizia è stata riportata dalla Gazzetta di Modena: l'udienza è stata rimandata a giugno e in quel caso il giudice cercherà di far conciliare la carnivora madre con la figlia vegana forse un po' troppo intransigente.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1523353389-3-cappello.gif