Cronaca Ragusa

Ragusa: è morto il poeta Giorgio Pace

Aveva 79 anni. Il ricordo della collega Faustina Morgante.

Ragusa - E' morto ieri sera, all'età  di 79 anni, Giorgio Pace, poeta dialettale ragusano molto apprezzato per il suo profondo e appassionato legame con la terra natale, che lo ha spinto a dedicare parte della sua vita a ricercare parole ed espressioni tipiche del dialetto tradizionale ragusano, ormai in estinzione.
Un uomo gentile, discreto, di rara sensibilità, che sapeva sempre regalare un sorriso dolce e accogliente. Il suo è stato un lavoro prezioso di ricerca dedicato alla comunità ragusana, quasi una missione finalizzata a preservare la memoria delle radici linguistiche dialettali.

Ha nel tempo  incontrato  molti concittadini ultraottantenni cercando di raccogliere e recuperare le parole più antiche dialettali, studiandone le cadenze fonetiche e  trascrivendone fedelmente la pronunzia, creando così un vero e proprio vocabolario del dialetto ragusano. Frutto di questo lungo e minuzioso lavoro è la pubblicazione del libro “Rrausa  Picchì” - Poesie, Adagi, Storie,Varietà Vocabolario in dialetto ragusano”  nel dicembre del 1991, con la prefazione di Emanuele Schembari.  Giorgio Pace ha partecipato a  concorsi di poesia sia in lingua italiana che dialettale, specie a diverse  edizioni dell'Angolo del Poeta nell'ambito della Fiera Emaia di Vittoria, classificandosi al primo posto nel 1998 e 1999.

Nel 1995 ottiene il Diploma D'Onore nel Premio Letterario Internazionale “Omaggio a Pirandello” con la poesia “Ore Felici”. Molte sue poesie vengono pubblicate e presentate in riviste locali e  sull'emittente ragusana Tele Nova, che a Giorgio Pace ed alla sua opera ha dedicato diverse puntate delle storiche trasmissioni “Rotonova” e “Notte di Note”. 
Giorgio Pace lascia la moglie  Rosetta, i figli Mirella, Claudio e Marcella.
I funerali si svolgeranno domani, 10 aprile, alle ore 16, presso la chiesa San Paolo Apostolo.