Cronaca Santa Croce Camerina

Santa Croce: dopo la bufera di vento si contano i danni

Dopo il fortissimo vento del 14 aprile

Santa Croce Camerina - La bufera di vento che si è scatenata in provincia di Ragusa sin dalle prime ore del mattino di sabato 14 aprile, ha fatto attivare immediatamente il sistema di protezione civile. In particolare, è stato il comune di Santa Croce Camerina ad essere stato particolarmente colpito. Raffiche di vento hanno fatto registrare punte di circa 70 Km/h e hanno imperversato dalla notte e fino alla tarda sera di Sabato. Sono stati eseguiti 22 interventi da parte dei Volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile in aggiunta ai 15 messi in campo dal personale della Polizia Municipale. Gli interventi hanno interessato indistintamente sia il centro urbano che le frazioni della fascia costiera ed hanno reso necessario il taglio di alberi e rami caduti sulla pubblica via, la rimozione di detriti (principalmente plastica di strutture serricole) sulla sede stradale delle arterie extraurbane, la messa in sicurezza di antenne e serbatoi idrici posti sulle abitazioni oltre che di segnaletica stradale e pali abbattuti.

Di particolare rilevanza l’intervento posto in essere dal personale Volontario nel primo pomeriggio per fronteggiare e reprimere un incendio sviluppatosi su un terreno incolto alle porte di Punta Secca sulla strada che conduce a Torre di Mezzo dove le fiamme, sospinte dal vento a favore,avrebbero potuto interessare alcune abitazioni. Solo l’immediato intervento ha evitato il propagarsi delle fiamme ed eventuali conseguenze alle persone ed agli insediamenti abitativi della zona.

In corso di rilievo, da parte dei tecnici comunali, i danni arrecati dal vento agli edifici pubblici come il plesso scolastico “10 aule”, il palazzetto di C./da Santa Rosalia, i locali spogliatoio della nuova struttura tensostatica “io gioco le(g)ale”, insistente sempre in Via degli Atleti, ed agli impianti della pubblica illuminazione che in alcuni casi hanno determinato la necessità di intervento tecnico specializzato da parte della ditta gestrice il pubblico servizio. Solo intorno alle 22.00 tutte le squadre hanno potuto fare rientro una volta ultimate le operazioni di soccorso.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif