Attualità Scicli

Guglielmo Migliorino, una vita una poesia

Presentato da Mariateresa Spanò e Toni Iurato

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-04-2018/1524314955-1-guglielmo-migliorino-vita-poesia.jpg&size=375x500c0
  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-04-2018/1524315054-1-guglielmo-migliorino-vita-poesia.jpg&size=362x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-04-2018/guglielmo-migliorino-vita-poesia-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-04-2018/1524314955-1-guglielmo-migliorino-vita-poesia.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/21-04-2018/1524315054-1-guglielmo-migliorino-vita-poesia.jpg

Scicli - Venerdì sera sala gremita per la presentazione del libro di Guglielmo Migliorino -classe 1940- presso l’Associazione sede di “OfficinOff” in via dei Lillà a Scicli. Guglielmo Migliorino è stato uno dei primi a far parte del gruppo di Energia e Simpatia, il gruppo di canti popolari fondato da Maria Teresa Spanò 19 anni fa. Il libro Una Vita una poesia, edito dall'associazione Energia e Simpatia è la raccolta delle poesie, molte delle quali dedicate ai componenti del gruppo. Guglielmo Migliorino è “l’uomo della pace, del sorriso, quello che non parla mai male di nessuno del gruppo” nonostante la sua vita non sia stata per niente facile, ci dice, uno dei presentatori della serata, Toni Iurato, anche egli componente storico del gruppo Energia e Simpatia. "Questo libro è un atto d’amore", continua. Guglielmo Migliorino prende la parola dicendo che il libro racconta la sua vita a partire dagli anni Quaranta, “si faceva presto a fare amicizia con la fame”. Erano tempi duri quelli in cui è nato, sesto di sei fratelli, dopo la terza media fu costretto ad emigrare in Francia prima e successivamente in Libia, da sposato, per potere dare una casa alla sua amata moglie Yolanda. Proprio per sposare la sua Yolanda e non mandarla a lavorare nei magazzini ortofrutticoli si diede da fare e iniziò a lavorare da giovanissimo. Il libro è pieno di versi dedicata a lei, un vero atto d’amore che continua anche ora, che la sua Yolanda è sulla sedia a rotelle. Durante la serata sono state lette delle poesie tratte dal libro, e due sono state musicate e cantate dal gruppo di anziani che solitamente si esibisce nelle case di riposo e nelle feste di paese con brani popolari siciliani. La professoressa Maria Teresa Spanò ha concluso spiegando che gli anziani sono un Patrimonio da custodire, la nostra memoria storica da preservare. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1534503216-3-despar.gif