Appuntamenti Ragusa

Sfruttamento del lavoro e caporalato. Convegno a Ragusa

4 maggio

Ragusa - «Sfruttamento del lavoro e caporalato: analisi dei fenomeni e delle strategie nazionali e transnazio-nali per combatterli»: questo il tema di un convegno che si terrà venerdì 4 maggio, con inizio alle 15, nel saloncino del Vescovado di Ragusa.

L’evento è organizzato dalla diocesi di Ragusa, dal centro Diritto penale europeo, dall'Ordine foren-se di Ragusa, dall’ordine professionale degli Assistenti sociali di Ragusa e dalla scuola per assistenti sociali “Francesco Stagno d'Alcontres”.
Interverranno il professore Francesco Carchedi («Schiavitù di ritorno: il fenomeno del lavoro gra-vemente sfruttato»), il direttore della Caritas diocesana Domenico Leggio («Progetto Presidio: un’esperienza concreta nel campo delle tutele dei lavoratori»), l’avvocato Enrico Schembari («Sfrut-tamento del lavoro e caporalato: analisi della legislazione nazionale ed europea»), il magistrato An-drea Reale («Problematiche giurisprudenziali in tema di sfruttamento del lavoro e caporalato»), l’europarlamentare Michela Giuffrida («La filiera sporca del cibo: il ruolo del Governo e dell’Unione europea nel contrasto al lavoro sommerso e al caporalato in agricoltura»).

La Diocesi di Ragusa è una delle dieci diocesi italiane ad aver attivato, attraverso la Caritas, un pre-sidio fisso. Si trova a Marina di Acate, una zona nella quale sono più acuti i disagi causati dallo sfruttamento del lavoro agricolo. Il Progetto Presidio ha come obiettivo quello di garantire una presenza costante in quei territori nei quali è più forte la presenza di lavoratori agricoli attraverso la presenza di operatori Caritas pronti ad offrire, oltre ad un’assistenza per i bisogni più immediati, an-che un’assistenza legale e sanitaria e un aiuto per i documenti di soggiorno e di lavoro.

Nel corso dell’ultimo anno, come si evince dai dati diffusi dall’Osservatorio diocesano delle povertà e delle risorse, sono state aiutate quasi mille persone (997) che si sono rivolte al Centro ascolto; sono state effettuate 632 visite mediche gratuite; garantita assistenza legale per problemi amministrativi o di lavoro a 75 persone; sono stati seguiti 95 minori (25 dei quali coinvolti anche in un laboratorio teatrale); distribuiti quintali di alimenti, vestiti e coperte. A beneficiarne soprattutto lavoratori rome-ni (il 49%), ma anche tunisini (23%), albanesi (10%), marocchini (8%), italiani (5%) e di altre na-zionalità.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1526885848-3-antonio-ruta.png