Cronaca Comiso

Affetto da ludopatia, tenta di rapinare un tabacchino a Comiso. VIDEO

Il ragazzo ha chiesto 5 mila euro.

Comiso - E' stato arrestato dalla polizia Giuseppe Di Stefano, 22 anni, nato a Vittoria, accusato di tentata rapina in una tabaccheria aggravata dall'uso delle armi. I fatti si sono svolti il 7 maggio, intorno alle 15.30. Un uomo si avvicina al titolare di una tabaccheria ed alla sua fidanzata che stavano per aprire la saracinesca.

È diretto, va subito al dunque, chiede al titolare di aprire e consegnare 5.000 euro e stecche di sigarette. Il titolare si rifiuta ma lo riconosce per un cliente abituale ma non sa altro di lui. Per tutta risposta, l'uomo dice: “o mi dai quanto ti ho chiesto o faccio saltare tutto in aria”. Il giovane va via ma, dopo pochi minuti, fa ritorno con una bombola di gas in una mano ed un accendino nell’altra.
Nel frattempo, i due gestori chiamano la polizia.

Di Stefano si presenta all’ingresso della rivendita di tabacchi, posiziona la bombola proprio davanti la porta e chiede i soldi “altrimenti faccio esplodere tutto”.
A quel punto i due gestori vivono attimi di terrore, sono chiusi dentro il negozio e non hanno come fuggire. La donna spintona il rapinatore al fine di guadagnare la fuga ed allontanarsi dalla bombola fonte di pericolo.

Una volta fuori dalla rivendita, il criminale afferra per il collo la donna, che prima di essere aiutata dal fidanzato, viene strattonata con violenza inaudita e fatta cadere per terra dove resta inerme e ferita. Il fidanzato mette in fuga, ma la polizia lo ha intercettato subito dopo, diretto a casa sua.
Alla polizia il giovane ha ammesso ogni responsabilità e ha dichiarato di aver chiesto quei soldi perché affetto da ludopatia.
L'uomo è stato associato presso la casa circondariale di Ragusa a disposizione della Procura della Repubblica iblea.
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg