Attualità Cinema

Jonathan Pryce: sono io Papa Francesco

Borgo Santo Spirito diventa il set di “The pope”, realizzato da Netflix

Città del Vaticano - Anthony Hopkins è Joseph Ratzinger. Jonathan Pryce è Papa Francesco. Entrambi gli attori risultano somigliantissimi ai veri Papi. E lo straniamento è totale.

Cardinali e gendarmi chiacchierano a Borgo Pio. Poi sono impegnati a mangiare dai cestini in Largo Paolo VI. Con il contorno di giovanotti con il costume michelangiolesco delle Guardie Svizzere. Più in là, su Borgo Santo Spirito, davanti alla Curia dei Gesuiti ci sono parcheggiati i camion della Società Trasporti Cinematografici Tranquilli S.R.L. che fanno intuire la spiegazione.

Si gira un film sul Vaticano. E’ il set di “The pope”, le cui riprese sono iniziate a novembre in Argentina, Netflix lo distribuirà in tutto il mondo, la regia è stata affidata a Fernando Meirelles (autore di “City of God”, “The constant gardener – La cospirazione”) Il film racconterà il momento storico che va dall’elezione di Papa Ratzinger alle sue dimissioni, o più correttamente al giorno della sua “rinuncia al ministero di vescovo di Roma successore di San Pietro”, comunicata nel febbraio del 2013, all’elezione di Papa Bergoglio, il mese successivo.

Ovviamente non come un diario che dà ad ogni giorno lo stesso spazio, “The pope”, realizzato da Netflix, è concentrato soprattutto su quell’arco di tempo abbastanza limitato che va dal giorno della “rinuncia al ministero di vescovo di Roma successore di San Pietro”, comunicata da Benedetto XVI l’11 febbraio del 2013, all’elezione di Papa Bergoglio, il 13 del successivo mese di marzo. A chi l’ha vissuto intensamente e ci ritorna ora con la mente, sembra impossibile che tutto si sia risolto in soli 30 giorni, eppure è così: come ha teorizzato Heidegger esiste un tempo cronologico scandito dagli orologi, ma anche un tempo esistenziale, quello che vola quando sei felice o ti fa diventare all’improvviso i capelli bianche per la paura o lo stress al quale sei sottoposto d’improvviso.

L’incontro di oggi con i falsi cardinali diretti al Conclave, che varcano un falso cancello del Petriano montato a duecento metri da quello vero, causa comunque un senso di straniamento, come se si fosse tornati indietro di 5 anni, tutto a un tratto.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg