Attualità Chiaramonte Gulfi

Divieto di usare l'acqua in tutta Chiaramonte, Cutello termina la protesta

Emanata una nuova ordinanza

Chiaramonte Gulfi - Mario Cutello, dopo aver trascorso una notte a dormire in aula consiliare, ha terminato oggi pomeriggio la sua protesta, insieme all'intero gruppo di minoranza. "Abbiamo trovato una sintesi con la presidente del consiglio che ha preso un impegno: ha deciso di convocare il consiglio straordinario aperto sulla questione idrica per giorno 17 maggio alle ore 17.00. Purtroppo, però, i fatti superano l'immaginazione perchè abbiamo appena visto che è stata emanata una nuova ordinanza in cui si vieta l'utilizzo dell'acqua in tutto il centro urbano di Chiaramonte", dichiara Cutello.

In effetti, è stata pubblicata in albo pretorio una nuova ordinanza, la numero 109. In questa nuova ordinanza, in via prudenziale, si ordina di "non usare l'acqua in erogazione in tutto il centro di urbano di Chiramonte Gulfi per uso potabile e per l'incorporazione negli alimenti, limitandone l'uso ai soli fini igienici, previa bollitura". Non è consentita: ingestione diretta (bere), utilizzazione nella preparazione e incorporazione negli alimenti, lavaggio verdura, frutta e ortaggi da consumare crudi, risciacquo finale dei piani di lavoro, attrezzatura e quant'altro utilizzato per e durante la preparazione degli alimenti, lavaggio occhi, denti, cavo orale e dentiera, igiene intima, detersione ferite senza successiva disinfezione, lavaggio stoviglie, piatti, bicchieri e posate con risciacquo finale a meno che non si provveda ad immersione delle stesse ad acqua portata ad ebollizzione o a lavaggio a temperatura non inferiore a 84° per esempio in lavastoviglie. Sono consentiti: Igiene domestica, igiene personale (tranne quelle sopra indicate), lavaggio effetti personali per esempio biancheria intima con successiva esposizione al sole".

Tale ordinanza, inoltre, è stata trasmessa anche all'Asp di Ragusa.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1531731979-3-despar.gif