Attualità Giarratana

L'uomo orchestra di Giarratana, reduce de La Corrida, si racconta

Intervista ad un musicista, autodidatta, che ha saputo reinventarsi

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-05-2018/1527088257-1-uomo-orchestra-giarratana-reduce-corrida-racconta-video.jpg&size=909x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-05-2018/uomo-orchestra-giarratana-reduce-corrida-racconta-video-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-05-2018/1527088257-1-uomo-orchestra-giarratana-reduce-corrida-racconta-video.jpg

Giarratana - Ha entusiasmato tutto il pubblico con la sua esibizione e il suo video, postato sul sito della Rai e su Facebook, ha raggiunto complessivamente 38 mila visualizzazioni in tutta Italia, diventando il più visto in assoluto de La Corrida, il programma condotto oggi da Carlo Conti. Stiamo parlando di lui, dell’Uomo Orchestra, al secolo Massimo Garaffa, 36 anni, padre di una bimba di 5, sposato con Maria, originario di Giarratana ma residente a Ragusa. Di professione, Massimo, è magazziniere ma il suo amore per la musica, gli strumenti musicali e per i cantastorie se lo porta dietro da sempre: “Avevo 12 anni quando ho iniziato a suonare la chitarra. Ormai suono da 20 anni”, ci spiega.

Come mai hai deciso di partecipare alla Corrida?
“Ho portato avanti una tradizione di famiglia. Nel 1992 mio padre, Angelo Garaffa, si è esibito e ha vinto la puntata. All’epoca, la Corrida era condotta da Corrado e dal maestro Pregadio e lui ha fischiato con le mani e ha suonato “vitti na crozza” e “carnevale di Venezia”.
Da quanto tempo ti dedichi alla musica?
“Suono ormai da 20 anni, ho iniziato a 12 anni, imparando la chitarra da autodidatta. Nella mia carriera musicale ho suonato contrabbasso, basso elettrico, canto, chitarra e oggi faccio swing e rock&roll, collaborando con diversi gruppi musicali: STRACOUSTIC TRIO, TILAKANTU, Il BOLIVIANO Roll&Swing, Married Time (Violino e CONTRABBASSO ), serenata Siciliana e poi, ovviamente, Uomo Orchestra Siciliano”.

Da quanto tempo sei l’uomo orchestra?
“Da due anni. L’uomo orchestra l’ho inventato perché sono un polistrumentista, mi scocciava suonare sempre un solo strumento. L’attrezzatura musicale l’ho costruita io e si chiama “Music arredo”, ed è in alluminio. Poi ho costruito un ponte con tutti i fili e tutti i fischietti. Con il braccio destro suono il tamburo a cornice e il campanaccio. Col piede sinistro mi sostengo altrimenti cado a terra. Col piede destro pigio il pedale. In tutto, riesco a suonare contemporaneamente 10 strumenti musicali”.
Ti è dispiaciuto non aver vinto la puntata de La Corrida?
“No, assolutamente. Per me è stata un’esperienza bellissima, anche se non ho vinto ho raggiunto il mio scopo: far conoscere Giarratana e la provincia di Ragusa a 6 milioni di telespettatori”.
Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
“Io suono sempre, ai matrimoni, alle feste, sono sempre disponibile per chi mi chiama, soprattutto in provincia. Faccio parte anche di un’associazione dei cantastorie siciliani e con questa associazione abbiamo depositato una domanda che è in candidatura in Regione siciliana per far diventare i cantastorie eredità immateriale dell’Unesco, proprio come l’opera dei pupi”.