Attualità Ambiente

Segnalare la plastica su WhatsApp, l'iniziativa di Greenpeace

Plastic Radar

Una app per segnalare la plastica che soffoca i nostri mari e le nostre spiagge. E' questa l'iniziativa lanciata da Greenpeace. Si chiama Plastic Radar il servizio che Greenpeace inaugura permettendo a tutti di utilizzare la più comune applicazione di messaggistica istantanea, Whatsapp, per inviare le segnalazioni al numero +39 342 3711267.

I risultati saranno disponibili al sito plasticradar.greenpeace.it. In questo modo, si potranno scoprire quali sono le tipologie di imballaggi più comuni nei mari italiani, a quali categorie merceologiche appartengono, se sono in plastica usa e getta o multiuso e da quali mari italiani arriva il maggior numero di segnalazioni.
L'inquinamento dei mari rappresenta una delle più gravi emergenze ambientali dei nostri tempi. Questo sistema permetterà di accendere i riflettori su questa problematica.

L'iniziativa è alla portata di tutti, basta avere un telefono cellulare su cui sia installata l'applicazione Whatsapp e, una volta ritrovato un rifiuto in plastica sulle spiagge, sui fondali o sulla superficie dei mari italiani, segnalarlo al numero di Greenpeace tramite l'applicazione. Per effettuare una segnalazione sarà necessario scattare una foto del rifiuto e, se possibile, fare in modo che sia riconoscibile il marchio e il tipo di plastica di cui è costituito.

Successivamente va inviata a Greenpeace, insieme alle coordinate geografiche del luogo dove è stato individuato il rifiuto. Ogni segnalazione viene elaborata da Greenpeace e i dati relativi a tipo di rifiuto e posizione saranno disponibili onlline in forma aggregata, nell'arco di 24-48 ore.