Attualità Milano

L'assurda odissea dei passeggeri Ryanair, bloccati a Milano

Il prossimo volo disponibile per Comiso è previsto per lunedì 11 giugno

Milano - Sono rimasti bloccati ieri, 8 giugno, dalle 18.30 a Milano Malpensa e il primo volo disponibile per Comiso è previsto per lunedì. L'odissea dei passeggeri Ryanair, rimasti bloccati a Milano, continua. Sarebbero dovuti arrivare ieri sera alle 20 e invece sono rimasti bloccati a Milano perchè la compagnia non aveva voli disponibili se non prima di lunedì 11 giugno. Ma ciò che più ha fatto arrabbiare queste persone è stata la totale mancanza di comunicazione e di trasparenza. Alle 18.10, infatti, Ryanair ha comunicato che c'era un guasto alla strumentazione dell'aereo e che quindi il volo sarebbe partito in ritardo.

Fin qui, ci sta. Alle 20 viene data un'altra comunicazione, in cui viene ancora una volta segnalato un ritardo, con partenza alle 21. Alle 21, però, il volo viene definitivamente cancellato. Durante quest'arco temporale, i passeggeri non hanno avuto alcuna assistenza e nessuna informazione, nemmeno i voucher per la cena. Poi, la beffa: il prossimo volo Ryanair per Milano disponibile è lunedì mattina, in quanto sia oggi, sabato 9 giugno, che domenica, i voli sono tutti esauriti dallo scalo milanese, da Bergamo Orio al Serio, da Torino e da Bologna. A quel punto, un gruppo di passeggeri ha chiesto l'intervento della polizia in quanto venisse messo a verbale quanto accaduto e hanno chiesto loro di mettersi in contatto con qualche responsabile Ryanair per cercare di far partire, anche a sera tardi, i passeggeri rimasti a terra.

Alla polizia (e a tutti i passeggeri), viene detto che a Malpensa Ryanair non ha nessuna base o centro informazioni e che quindi ci si doveva mettere in contatto tramite call center. Provato a chiamare il call center (alcuni passeggeri hanno notato che è un servizio a pagamento), la linea era sempre irraggiungibile.

A quel punto, è stato detto dal personale della compagnia che i passeggeri potevano chiedere un rimborso, prendere un altro volo alternativo sempre Ryanair senza nessun costo (col problema che il primo volo disponibile è per lunedì), oppure procurarsi, a proprie spese, un altro volo di un'altra compagnia, facendo poi il reclamo. In quel caso, sarebbe stata rimborsata ai passeggeri una piccola percentuale di quel volo, più il risarcimento che spetta ai passeggeri in questi casi.

Il primo volo disponibile per la Sicilia che non fosse Ryanair era per stamani alle 7.10 da Milano-Linate a Catania. con Alitalia. costo 538euro. Una cifra insostenibile per la maggior parte dei passeggeri, soprattutto coloro che hanno al seguito bambini. Alcuni passeggeri hanno accettato l'hotel (messo a disposizione da Ryanair), mentre chi ha casa è tornato a casa. Pare, inoltre, che l'albergo messo a disposizione da Ryanair sia pagato solo per una notte. Molti passeggeri erano diretti in vacanza in un noto villaggio turistico della provincia di Ragusa, altri avevano impegni personali e tanti stavano rientrando per le votazioni che si svolgeranno domenica. 

Un'odissea infinita. Fin'ora, però, a farne le spese sono stati soltanto i passeggeri.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1534503216-3-despar.gif