Attualità Modica

Abbate festeggia con la famiglia. Ha la maggioranza. Gli eletti

Ivana Castello (Pd) il consigliere più votato in assoluto

Modica - Ignazio Abbate ha festeggiato la rielezione a sindaco di Modica con la famiglia. 

“Modica 2018” è la lista in assoluto più votata; sosteneva il sindaco uscente Ignazio Abbate che avrà il sostegno di una maggioranza di 16 consiglieri. La sua lista la lista ha ottenuto il 26,40%, con Maria Monisteri, 48 anni, che ha totalizzato 877 voti. La presidente della Conad Scherma Modica è stata la più votata nelle liste Abbatiane. Ambisce alla presidenza del consiglio comunale. Eletti anche il vice sindaco e riconfermato assessore Giorgio Linguanti con 758, l’assessore riconfermato Pietro Salvatore Lorefice (678) il sindacalista Cgil Saro Viola con 669, e Carmela Minioto (678) e l’assessore uscente Rita Floridia(570), l’infermiere Giorgio Civello (523). 
«Fare Modica» porta nel civico consesso Giorgio Giannone(470), l’uscente Alessio Ruffino (364), il riconfermato assessore Giorgio Belluardo (339) e Angelo Spadaro(324). La lista dei giovani “Modica Est”, incassa quattro consiglieri oltre a due importanti affermazioni personali, Peppe Rizza e Samuele Cannizzaro, rimasti esclusi per una manciata di voti. Il primo della lista è Giovanni Alecci, che ha ottenuto 521 preferenze, poi il consigliere comunale uscente Daniele Scapellato (444), Gianmarco Covato (377), e Margherita Sammito(307). La quarta lista di Abbate, “Noi Insieme per Modica”, prende un seggio con l’avvocato Carmelo Ventura (192 voti).

Nel Centro sinistra la lista del Pd, 7,92%, è stata trainata dal suffragio in favore di Ivana Castello, la più votata in assoluto (913). Eletto anche il segretario cittadino Giovanni Spadaro con 264 voti e da Andrea Caruso (247). “Modica 2038”, oltre al candidato sindaco, Salvatore Poidomani, a cui spetta un posto per legge, è stato eletto Filippo Agosta (204) voti ed Enrico Morana (200). Nessun seggio nella lista Cento Passi, nonostante i 280 voti di Antonio Ruta. Fuori la Lega Salvini (1,56) e Fratelli d’Italia (2,01), con la sconfitta dell’ex vice presidente della civica assise Michele Polino. In Forza Italia eletti Mommo Carpentieri, 577 voti, e Tato Cavallino, 452. L’avvocato Fabio Borrometi terzo con 410 voti, resta fuori dal consiglio comunale. Fuori l’ex presidente del consiglio Roberto Garaffa. Il M5S ha ottenuto il 6,65 dei voti e porterà un solo consigliere Marcello Medica con 259 preferenze. Cinque le donne elette: Castello, Floridia, Minioto, Monisteri e Sammito. 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg