Cronaca Acate

Acate: spaccio e furti, arrestati un italiano e un rumeno

Furto di uva e spaccio di cocaina

  • https://www.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-06-2018/1530274888-1-acate-spaccio-furti-arrestati-italiano-rumeno.jpg&size=500x500c0
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-06-2018/acate-spaccio-furti-arrestati-italiano-rumeno-100.jpg
  • https://www.ragusanews.com//immagini_articoli/29-06-2018/1530274888-1-acate-spaccio-furti-arrestati-italiano-rumeno.jpg

Acate - Sono stati arrestati dai carabinieri ad Acate due persone durante alcuni controlli. Proprio nel corso di uno di tali controlli l’attenzione dei militari veniva richiamata dai proprietari di un’azienda agricola che avevano notato un soggetto che stava asportando dell’uva dal loro vigneto e che, alla loro vista, si era dato alla fuga. In breve tempo è stato rintracciato un cittadino rumeno Stan Viorel di 35  anni, accertando che, proprio in corrispondenza del punto in cui si trovava la sua autovettura, aveva praticato un foro nella recinzione del vigneto ove aveva deciso di compiere un furto e al cui interno venivano rinvenute 7 cassette piene di uva da tavola e già pronte per essere portate via. E' stato arrestato per il reato di tentato furto aggravato  associato alla locale Casa Circondariale, su disposizione del Magistrato di turno della Procura della Repubblica di Ragusa, mentre le cassette di uva che intendeva rubare venivano restituite ai legittimi proprietari.

E' stato arrestato anche Amedeo Puccia, 49 anni, pregiudicato già molto conosciuto ai Carabinieri e, per tale motivo, più volte oggetto di controlli. Proprio per eludere tali controlli, infatti, aveva pensato di dotare la sua abitazione di un sistema di sorveglianza che gli consentisse di notare preventivamente l’arrivo dei militari che, per introdursi in casa, ricorrevano a uno stratagemma per non insospettire Pucciae  indurlo ad aprire la porta d’ingresso senza allarmarsi.

Ma in casa, i carabinieri hanno trovato cocaina che custodiva nelle parti intime, dichiarando che la deteneva per farne uso personale, ma questo non bastava a far desistere i Carabinieri che procedevano, ugualmente, a perquisire tutta l’abitazione e l’autovettura che lo stesso, per non farla ritrovare, aveva parcheggiato nel garage di un parente. Nell'auto è stata ritrovata 16 involucri di sostanze stupefacente del tipo cocaina, oltre a bilancino di precisione per la pesatura della sostanza e il confezionamento delle dosi e 435euro in contanti. E' stato arrestato per il reato di spaccio di stupefacenti e associato presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.