Appuntamenti Marina di Ragusa

A Marina di Ragusa, torna l'arte urbana al Met

#met2b

Marina di Ragusa - A volte bisogna sfocare l'immagine per poter mettere a fuoco la realtà che ci circonda, e gli architetti Elisa Muccio e Danilo Dimartino, direttori artistici di #met2b, hanno deciso quest’anno di sgranare al massimo la visione, di abbassare quanto più possibile la risoluzione. L’obiettivo è tornare alla realtà, alla visione reale, alla visione del reale.
Il progetto d’arte urbana promosso da Thomas Battaglia del Met, il locale di Marina di Ragusa che offre il suo prospetto frontale all’arte, anche quest’anno è arrivato a sorpresa nello scorso fine settimana, svelando il concept che ispira questa settima edizione.

Una grandissima installazione in verticale, composta da uno speciale e inconsueto schermo gigante, un mega monitor composto da 8 cubi di base per 16 cubi di altezza. Sono 128 enormi pixel, che all’imbrunire prendono forma dando vita a disegni e animazioni al led mapping a cura di Pixel Shapes. Questo schermo grezzo, primordiale, richiamando l’effetto a 8 bit anni ’80 offre una visione così sgranata da indurre a riflettere su come nella quotidianità ci siamo invece ormai abituati a guardare tutto in modo filtrato, attraverso un monitor, un display. Una realtà sempre più definita, ad alta risoluzione, una realtà a 4K talmente vera da farci dimenticare talvolta dello schermo che ci separa dal reale.

Un progetto, come spiegano i due direttori artistici, che invita a riflettere: “Nell’era del digitale sempre più spesso vediamo il mondo attraverso uno schermo, quasi fosse una finestra affacciata sulle nostre vite. Quotidianamente da dietro un display compiamo una serie smisurata di azioni che mai avremmo immaginato. Questi oggetti sono diventati indispensabili ed indispensabile è possedere sempre l’ultimo modello, quello con la “risoluzione” più alta.
Attraverso l’installazione artistica #met2b 2018, si è immaginato per un attimo di uscire dal vorticoso meccanismo per il quale ci si sta quasi disabituando a guardare il mondo coi propri occhi. Dunque #met2b 2018 esaspera il “filtro del reale”, divenendo un rudimentale schermo gigante che ricopre quasi per metà la facciata del Met, un monitor primordiale con una “risoluzione” volutamente bassa, con i “pixel” immaginati come elementi fisici concreti, in cui è possibile distinguere solo sagome, colori, luci e ombre”.

Sulla parete, accanto allo schermo gigante, ci sono altri 40 cubi, simbolicamente 40 pixel esplosi, svuotati del loro contenuto effimero in attesa di riceverne uno nuovo. Sono infatti i supporti su cui i creativi potranno quest’anno operare, trasformandoli e rielaborandoli con la propria fantasia, con i colori e i materiali con cui decideranno di rivisitarli e di dare la propria personale visione durante l’estemporanea d’arte fissata per domenica 29 luglio. Singolarmente o in gruppo, i partecipanti all’Urban Art MEeTing 2018 si riuniranno in piazza Torre, nella frazione marinara iblea, avranno a disposizione un cubo, un “frammento di immagine” vuoto da riempire della propria creatività. Come ogni anno la partecipazione è gratuita, il bando è aperto a tutti ed è già scaricabile sul sito www.metsicilia.it. Si potrà mandare la propria candidatura entro il 16 luglio, inviandola alla mail met2b@metsicilia.it o consegnandola in formato cartaceo presso il Met.

Le opere rimarranno esposte sulla facciata del Met fino al 26 agosto, data in cui verranno proclamati i vincitori e si procederà alla vendita all’asta delle opere per finanziare il progetto di arte urbana per l’anno successivo.
Come sempre sarà possibile seguire l’evoluzione del progetto sulla pagina facebook del Met www.facebook.com/metsicilia e sui social attraverso l’hashtag #met2b. Sponsor di questa edizione Repack, Il legno arredamenti, Iperbagno, Latterie Riunite, Edilgroup, Legnami Sittinieri, Despar Sicilia, Banca Agricola Popolare di Ragusa, Euro Metal, Elledue Srl, Lt Noleggi.

Foto: Rossana Bergamasco
 

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif