Scuola Ragusa

Scuola Teologica di base, aperte le iscrizioni

Sino al 30 settembre è possibile iscriversi

Ragusa - Sino al 30 settembre è possibile iscriversi alla Scuola teologica di base della Diocesi per l’anno 2018-2019. Il percorso di formazione è rivolto ai laici e ai religiosi, in particolare a quanti intendono progredire personalmente nel cammino di fede e impegnarsi con maggiore competenza nell’attività pastorale, ma anche per tutti coloro che, inseriti nelle parrocchie e nelle comunità, intendono approfondire le loro conoscenze teologiche. La Scuola teologica può anche fornire delle risposte a quanti si pongono o si trovano in un atteggiamento o in una fase di ricerca.
Il percorso è ciclico ed ha durata triennale, diviso in sei semestri, per un totale di 360 ore (120 ore annue, in 30 incontri a cadenza settimanale). Alla fine del triennio, verrà rilasciato un attestato di frequenza con giudizio finale (per gli iscritti regolari) o un attestato di libero uditore.

Le lezioni si terranno in orari serali a Ragusa e Vittoria per facilitare la partecipazione degli iscritti. A Ragusa, il martedì dalle 19 alle 22, nei locali della parrocchia San Pier Giuliano Eymard; a Vittoria, il sabato dalle 16.30 alle19.45 nei locali della Casa del Pellegrino “Madonna della Salute” (orario invernale: dalle 16 alle 19.15).
Le iscrizioni si potranno effettuare dal primo luglio al 30 settembre 2018 (escluso il mese di agosto), dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, alla segreteria del vescovado (via Roma, 109 - Ragusa, telefono 0932 646400 o mail info@diocesidiragusa.it).

Almeno i cinque i motivi suggeriti per iscriversi alla Scuola teologica di base: scoprire la dimensione teologica dell’essere credente; prendere coscienza e consapevolezza delle dimensioni culturali della fede cristiana nel contesto in cui viviamo; scoprire ed educarsi alla serietà del pensiero cristiano; capire che fede e ragione si rendono un reciproco servizio; essere sempre pronti a rispondere a «chiunque domandi ragione della speranza che è in voi».
I candidati al ministero di lettore e accolito hanno l’obbligo della frequenza e dovranno sostenere le prove annuali di verifica.