Cronaca Bergamo

Siciliani, rapinavano banche a Bergamo, festeggiavano con foto su facebook

Ladri col vizio dei social, l'irresistibile voglia di postare foto

Bergamo - Avevano la pessima abitudine di mettere foto di festeggiamenti, con tanto di bottiglia di spumante stappata, su facebook ogni volta che un colpo andava a segno. Inoltre, utilizzavano macchine a noleggio per spostarsi da Catania a Bergamo. E' questo quanto emerge dall'indagine della Procura di Bergamo, denominata "operazione occhialino", per via di uno dei travisamenti usati durante i colpi in banca.

Sono quattro gli indagati, tutti siciliani, colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere, condotta dai carabinieri della Compagnia di Treviglio, in collaborazione con i colleghi siciliani. Si tratta di Giuseppe Aiello, 37 anni, Salvatore Ettore Pandetta, 25enne, Matteo Antonio Salvatore Riso, 26 anni, e Giacomo Santoro, 34enne. Tutti con precedenti specifici.

L’indagine ha preso il nome da uno degli artifici utilizzati dai rapinatori, che per camuffare il volto indossavano degli occhiali da vista scuri prima di entrare in banca. Sette gli istituti di credito presi di mira, dislocati nei comuni di Bergamo, Brembate, Levate, Paladina e Urgnano. Il bottino complessivo è di alcune decine di migliaia di euro. Le indagini sono iniziate nel 2015 e sono state effettuate intercettazioni telefoniche, analisi dei tabulati, attività di controllo dei social e confronti facciali tramite i frame ricavati dalle immagini delle telecamere di video-sorveglianza.

I quattro non derubavano direttamente eventuali clienti presenti nelle filiali, ma aspettavano che depositassero i contanti in modo da colpire direttamente le casse della banca.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1536936071-3-despar.gif