Cultura Noto

Photology Air: a Noto, un parco che coniuga rovine, natura e arte

Installazioni fino al 23 settembre

Noto - All'interno di una tenuta di 30 ettari che si trova nei pressi di Noto, è nato "Photology Air", un progetto che prevede l'installazione di mostre all'aperto, rassegne cinematografiche, percorsi didattici e molto altro ancora, all'aperto. L'idea è nata dalla galleria Photology, specializzata in fotografia fondata nel 1992 a Milano da Davide Faccioli che, nel corso degli anni, ha cambiato sedi, forma, progettualità, città su cui investire.

Photology AIR (Art In Ruins) è uno spazio all’aperto dedicato all’arte contemporanea, a pochi chilometri dal centro di Noto, ospitato nei trenta ettari della tenuta Busulmone, all’interno delle rovine senza tetto di un monastero del XIX secolo che, dopo i lavori di restauro, adesso è sede di mostre, film festival, residenze d’artista, laboratori e spazi per la degustazione di prodotti enogastronomici locali. Lo scopo è quello di riunire e perchè no? Far dialogare, tutte le arti all'interno dello stesso spazio. Traendo ispirazione dalla sezione ‘Utopia of Ruins’ della Biennale di Venezia del 2014, si è così provveduto al restauro dei resti del convento ottocentesco della tenuta.

L'antico edificio è stato così risanato, creando una location innovativa e suggestiva, probabilmente unica in Sicilia. Il programma prevede eventi di ogni genere fino al 23 settembre. Saranno presenti 4 sezioni: Exhibitions, con esposizioni di opere di artisti internazionali allestite in un percorso tra le rovine del convento; Art Trail, un itinerario immerso nella natura in cui verranno esibite, ogni anno, installazioni realizzate da artisti invitati in residenza; Art Film Fest, una rassegna di film all’aperto dai contenuti legati al mondo dell’arte, e infine Art for Kids, progetto didattico dedicato ai più piccoli.

Land Art in America è il titolo della mostra che inaugura la sezione Exhibitions, una serie di lavori del fotografo Gianfranco Gorgoni che include opere di grande formato realizzate a partire dalla fine degli anni Sessanta, in collaborazione con gli artisti della Land Art americana.  Per la sezione Art Trail, invece, i visitatori potranno esplorare la Tenuta Busulmone andando alla ricerca delle installazioni realizzate da Stefano Boccalini, Angelo Candiano, Cuoghi e Corsello, Ilkka Halso, Giuseppe Lana, Domenico Mangano & Marieke van Rooy, Luca Pancrazzi, Paolo Parisi, Pettena e Pace, Luca Vitone, Wolfgang Weileder.

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1534503216-3-despar.gif