Cronaca Catania

Brucia Catania, brucia la Sicilia

Una situazione intollerabile e il clima impazzito non aiuta.

Catania - E' stata una giornata particolarmente tragica, quella di ieri, non solo per la provincia di Catania ma anche per tutta la Sicilia. Brucia la costa siracusana. Bruciano i boschi di Caltagirone. La Sicilia, insomma, è diventata un enorme rogo, alla mercè di piromani senza scrupoli, che sfruttano le giornata di vento per alimentare il fuoco.

Gli incendi si susseguono ormai da sabato, quando ad essere interessate per prime sono state le province di Trapani e quella di Palermo, dove in particolare nel quartiere Partanna Mondello un rogo ha minacciando diverse villette che si è reso necessario evacuare. Il fuoco, ieri, ha colpito invece la Sicilia orientale, minacciando case ed allevamenti. Un vasto incendio ha distrutto un'ampia area di macchia mediterranea tra la Timpa di Acireale e Capo Mulini, e solo dopo ore di lavoro i soccorsi hanno domato l'incendio, aiutati anche da due canadair. Un altro rogo, poi, ha invece lambito un centro commerciale di Riposto, e incendi si sono sviluppati anche nella zona pedemontana dell'Etna fino a Paternò ed Adrano.

Sempre ieri, un rogo di vaste proporzioni si è sviluppato anche attorno al bosco di Santo Pietro, nel Calatino, al confine tra le province di Ragusa e Catania. Una densa coltre di fumo ha reso percepibile anche a distanza l'entità del rogo. In particolare, colpita la costa acatese. Ancora oggi, i mezzi di soccorso stanno lavorando e monitorano la situazione.
Nella notte appena trascorsa, infine, un incendio è divampato pure a San Martino delle Scale, nel comune di Monreale.

E di certo, le temperature strampalate di questa estate 2018 non aiutano: caldo torrido che si alterna a raffiche di vento che abbattono alberi su autostrade, come quelli caduti ieri sulla A 18. Un incubo, insomma, in cui il caldo si alterna al freddo, al vento, alle piogge che portano sabbia finissima dal deserto che aumenta, soprattutto in città, le cosiddette "polveri sottili". Secondo le previsioni, comunque, questa sequenza di episodi “fuori controllo” è per il momento conclusa, e anche le temperature stanno tornando su livelli più tollerabili, almeno fino alla fase iniziale di agosto.