Cronaca Modica

Mafia, operazione Araba Fenice a Pachino: c'è anche un modicano

In tutto, 19 persone colpite dal provvedimento.

Modica - Operazione Araba Fenice da parte della polizia di Pachino. Fra di loro, c'è anche un Modicano. Rosario Agosta. In tutto sono 19 le persone colpite da altrettante misure cautelari notificate dalla polizia ed emesse dal Gip del Tribunale di Catania che, in sostanza, ha inferto un duro colpo al clan Giuliano, tutti ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata alle estorsioni, traffico di sostanze stupefacenti, furti in abitazioni ed aziende agricole.

Agosta, 45 anni, pregiudicato, insieme con Vincenzo Gugliotta, Giuseppe Di Salvo, Antonino Cannarella e Sergio Arancio stato complice dei fratelli Giuseppe, Giovanni e Claudio Aprile che si sarebbero occupati della commissione di furti di macchinari agricoli, in particolare di trattori e mezzi per la lavorazione della terra, che venivano asportati alle aziende agricole insistenti nei territori di Noto, Rosolini e Palazzolo Acreide.

Era stata data vita anche ad un’attività imprenditoriale, “La Fenice s.r.l.”, le cui quote sociali risultano formalmente ripartite al 50% tra Gabriele Giuliano, figlio di Salvatore, e Simone Vizzini, figlio di Giuseppe, che si occupa del commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli. Tale sodalizio ha nel magazzino sito a Pachino il suo quartier generale, dove si tenevano le riunioni e gli incontri con gli esponenti di altri clan. Col medesimo provvedimento, il Gip presso il Tribunale di Catania ha, altresì, disposto il sequestro preventivo delle quote sociali e dell’intero patrimonio aziendale de “ La Fenice s.r.L.”

https://www.ragusanews.com//immagini_banner/1543747182-3-nifosi.jpg